Uniqlo lancia un progetto di laboratori didattici alla Tate Modern di Londra

L’azienda di abbigliamento giapponese ha dato vita a una particolare collaborazione con il museo inglese: un programma di workshop creativi e gratuiti pensate per le famiglie, ispirati alle mostre in corso alla Tate

Ei Arakawa, Mega Please Draw Freely, 2021. Tate Modern, Londra
Ei Arakawa, Mega Please Draw Freely, 2021. Tate Modern, Londra

Continuano le incursioni di Uniqlo – azienda di abbigliamento giapponese con oltre duemila negozi in tutto il mondo che si contraddistingue per lo stile minimal – nel mondo dell’arte e della cultura: dopo la collaborazione con il Louvre di Parigi – dalla cui sinergia è nata una collezione ispirata ai capolavori custoditi nel museo firmata da Peter Saville –, e la serie di T-shirt dedicata al celebre scrittore giapponese Haruki Murakami, il brand ha dato vita, insieme alla Tate Modern di Londra, al progetto Uniqlo Tate Play, programma gratuito di attività ludiche ispirate all’arte pensato per bambini, ragazzi e le loro famiglie.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tate (@tate)

UNIQLO TATE PLAY

“Uniqlo è onorata ed entusiasta di collaborare la Tate Modern, nel 2021, anno in cui celebriamo il ventesimo anniversario dal lancio della nostra azienda nel Regno Unito”, ha dichiarato Taku Morikawa, CEO di Uniqlo Europe. “Uniqlo offre LifeWear, abbigliamento progettato e realizzato per tutti, e la Tate ‘Art for All’. Condividiamo la convinzione che non dovrebbero esserci barriere all’arte e alla creatività, indipendentemente dall’età, dal luogo o dalle capacità, e siamo entusiasti di riunire le famiglie per crescere insieme partecipando ai nostri nuovi workshop Uniqlo Tate Play”.

I WORKSHOP DI UNIQLO ALLA TATE MODERN

UNIQLO Tate Play, dopo il primo progetto che ha visto il pavimento della Turbine Hall trasformarsi in una grande tela in cui i visitatori hanno realizzato disegni e schizzi in totale libertà, continua il suo programma di attività ispirandosi alle mostre in corso al museo. Fino al prossimo 21 novembre, nell’ambito dell’esposizione dedicata ad Auguste Rodin, si terrà MAKE – Transform, workshop in cui bambini e adulti potranno cimentarsi nella lavorazione dell’argilla. Una volta realizzata la propria opera, il visitatore potrà portarla a casa o scegliere di lasciarla al museo, dove verrà esposta insieme ai manufatti realizzati dagli altri partecipanti al laboratorio.

– Desirée Maida

www.tate.org.uk

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.