Il Louvre di Parigi diventa Lifewear grazie alla nuova collezione di Uniqlo

L’obiettivo è portare la bellezza delle opere conservate nel celebre museo parigino nella vita di tutti i giorni attraverso l’abbigliamento. E la linea donna sarà incentrata sul tema della forma femminile come messaggio del valore della diversità

Uniqlo-Louvre
Uniqlo-Louvre

È stato scenario di videoclip musicali, palcoscenico di dj set, oggetto di incredibili experience messe in palio nell’ultima asta in collaborazione con Christie’s. Ora il Louvre, o meglio i capolavori situati all’interno, diventano il tema di una nuova collezione lanciata dal noto brand giapponese di Lifewear Uniqlo, che apre una partnership quadriennale con il museo parigino. A firmare la nuova collezione Musée du Louvre è il noto grafico Peter Saville (1955, Manchester), che è stato ispirato nelle sue creazioni dal sistema di numerazione dell’inventario utilizzato per catalogare le opere d’arte.

 

PETER SAVILLE PER UNIQLO E LOUVRE

Sono stato incuriosito dal fatto che al Louvre, la famosissima Monna Lisa è conosciuta come il dipinto ‘N. INV 779’, che è il suo numero di inventario interno. Sono stato ispirato da questo”, ha dichiarato Saville a proposito della nuova collaborazione. “Come molte persone, quando guardo le opere d’arte sono anche consapevole della loro geometria costitutiva. Ho pensato che esplorare quel punto di vista su una T-shirt sarebbe stato appropriato per questa collaborazione UT / Louvre”. Nella linea Uomo, opere iconiche come la Gioconda, la Vittoria alata e la Venere di Milo vengono reinterpretate attraverso lo stile di Saville; la linea donna, invece, è focalizzata sul motivo della figura femminile creato dai grandi maestri e accoppiato con elementi grafici inseriti da Saville, come la Madonna ne La belle jardinière di Raffaello Sanzio e la sensuale Odalisque di Jean-Auguste-Dominique Ingres. Anche i capi in felpa si concentrano sul tema della donna attraverso essenziali linee disegnate, con l’intento di dare alle immagini appartenenti alla storia dell’arte un tocco urbano.

PETER SAVILLE GRAFICO E DESIGNER

Peter Saville è considerato un maestro del design internazionale. Come co-fondatore dell’etichetta britannica indipendente Factory Records, ha creato una serie di copertine di dischi nei primi anni ’80 per gruppi tra cui i Joy Division e i New Order. I suoi primi lavori hanno raggiunto un vasto pubblico attraverso la musica pop. Saville è stato insignito del Commander of the Order of the British Empire (CBE) nel 2020 New Year Honours per i suoi servizi al design.

LA PARTNERSHIP TRA UNIQLO E LOUVRE

Con la partnership quadriennale, inoltre, Uniqlo diventa sponsor del programma Free Saturday Nights, iniziato a gennaio 2019, che riprenderà appena l’emergenza sanitaria lo permetterà (al momento il museo rimane chiuso, ma si prevede la ripartenza per la primavera 2021): il primo sabato di ogni mese l’orario di apertura sarà prolungato dalle 18 alle 21:45, con il format Mini-Discovery Tour, che consisterà in visite guidate di 20 minuti per lo più dedicate alle famiglie, di cui si potrà usufruire il mercoledì, il sabato e la domenica. “Sono onorato ed entusiasta di collaborare con il famoso Museo del Louvre. Questo è un sogno di lunga data che si avvera“, ha affermato Tadashi Yanai, Chairman, President, e CEO di Fast Retailing. “UNIQLO ha fatto molto fino ad oggi per condividere il piacere dell’arte con il pubblico in generale, soprattutto in linea con il nostro impegno al Lifewear, che significa capi progettati per aiutare a migliorare la vita quotidiana di tutti. Ci auguriamo che la nostra partnership con il museo possa consentire a quante più persone possibili di sperimentare e apprezzare la bellezza universale dei capolavori nelle loro collezioni“.

– Giulia Ronchi

www.uniqlo.com/louvre-x-uniqlo/
www.louvre.fr/en

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.