Filosofia nel boudoir. Shafei Xia in mostra a Roma

La galleria Francesca Antonini apre ad artisti non “suoi”. Una rassegna di ospitate che parte con una personale godibile ma complessa. Fatta di lavori convincenti anche in virtù della scelta di un supporto particolarissimo.

Shafei Xia (ShaoXing, 1989; vive a Bologna) è il primo nome in calendario di una rassegna di focus su artisti “esterni”, non di scuderia, ospitati dalla galleria Francesca Antonini. Un format concepito come laterale e “leggero” che potrebbe liberare energie inattese.
Si parte con una mostra di tenore picaresco, giuliva e sfrenata, solo in apparenza derubricabile nella sfera dell’illustrativo. A comporla sei acquerelli, di medie e grandi dimensioni, realizzati su carta di sandalo intelata.
Sono lavori in cui accade di tutto e nei quali, comunque, si resta nell’ambito dell’archetipico, dell’arazionale, dell’anti-narrativo. Opere in cui, d’altro canto, l’arcaismo dell’intreccio tra erotico e simbolico viene rinfrescato da una vena allegramente cinica e prosaica.
Molta della magia promana dal particolare supporto scelto, che con le sue venature conferisce un’atmosfera sorprendentemente rupestre a fantasie sadiano-felliniane, circensi e settecentesche.

– Pericle Guaglianone

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoAssolo #1 - Shafei Xia
Vernissage17/06/2021 ore 12
Duratadal 17/06/2021 al 17/09/2021
AutoreShafei Xia
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFRANCESCA ANTONINI ARTE CONTEMPORANEA
IndirizzoVia Capo Le Case 4 00187 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.