La Quadriennale di Roma cerca nuovo direttore artistico fino al 2024. Qui il bando

È online il bando per la Direzione artistica della Fondazione La Quadriennale di Roma, fondazione partecipata dallo Stato attraverso il MiBACT, la Regione Lazio e Roma Capitale, legata alla storica esposizione della Quadriennale d’arte, ora nuovamente aperta al pubblico dopo il lockdown con la mostra a cura della direttrice artistica uscente Sarah Cosulich (il cui […]

La Quadriennale di Roma, Villa Carpegna
La Quadriennale di Roma, Villa Carpegna

È online il bando per la Direzione artistica della Fondazione La Quadriennale di Roma, fondazione partecipata dallo Stato attraverso il MiBACT, la Regione Lazio e Roma Capitale, legata alla storica esposizione della Quadriennale d’arte, ora nuovamente aperta al pubblico dopo il lockdown con la mostra a cura della direttrice artistica uscente Sarah Cosulich (il cui incarico è scaduto il 31 dicembre 2020) e di Stefano Collicelli Cagol, Fuori. Ma l’istituzione che promuove l’arte contemporanea italiana è anche una struttura con tanti progetti in corso: ad esempio quelli all’ex Arsenale Clementino Pontificio, che sarà usato in futuro dalla fondazione, oggi con sede a villa Carpegna, come suo nuovo quartier generale a partire dal 2023. È proprio qui che si concentra l’attenzione del bando alla ricerca del responsabile della programmazione culturale per il prossimo triennio 2021-2024, dove non rientra la curatela della prossima edizione della Quadriennale d’arte, programmata per l’autunno-inverno 2025: centrale sarà, invece, la visione del futuro di questo complesso monumentale nel cuore di Roma, destinato a diventare un polo per la valorizzazione dei giovani artisti, grazie al progetto di riconversione firmato dallo studio Insula.

Valerio Nicolai. Installation view at Quadriennale d’arte 2020 FUORI. Courtesy Fondazione La Quadriennale di Roma. Photo DSL Studio
Valerio Nicolai. Installation view at Quadriennale d’arte 2020 FUORI. Courtesy Fondazione La Quadriennale di Roma. Photo DSL Studio

LA STORIA DELL’EX ARSENALE CLEMENTINO PONTIFICIO

L’ex Arsenale Clementino Pontificio risale all’inizio del 1700 ed è l’unica testimonianza delle intense attività navali mercantili che si svolgevano a Roma sotto lo Stato Pontificio. Si affaccia sul porto di Ripa Grande che era un tempo il porto fluviale di Roma, da cui passavano tutte le merci che risalivano e discendevano il Tevere verso Fiumicino. Ne è rimasta traccia solo nella toponomastica, perché la costruzione dei muraglioni da parte dei piemontesi ne hanno cancellato sia l’esistenza che le funzioni. Realizzato per volontà di Clemente XI, l’arsenale serviva alla costruzione e alla manutenzione della flotta pontificia ed occupava una superficie di oltre 1.000 mq. Nello Stato del Vaticano, l’arsenale ricopriva un ruolo importante, al di là della sua funzione pratica. Durante l’invasione delle truppe francesi, nel 1798, l’intera biblioteca del Vaticano e altri oggetti preziosi furono trasportati e nascosti proprio nei locali nei suoi spazi. L’Arsenale svolse la sua funzione fino alla fine del XIX secolo, fino a quando, cioè, tutte le attività legate al fiume cessarono. Da quel momento l’edificio è caduto in disgrazia ed è stato utilizzato per decenni addirittura come deposito di materiali edili: mentre a Venezia gli spazi di questo tipo venivano riqualificati per ospitare le mostre della Biennale, a Roma venivano trasformati in centralissima rivendita di mattoni e sacchi di cemento…

IL BANDO

La Fondazione  ha  la  necessità  di  progettare  e   realizzare  la programmazione  per  il triennio 2021-2024,  per  il cui  obiettivo  ha  deciso  di  avvalersi  di  una  figura consulenziale con funzione di Direttore artistico”, si legge nel testo del bando. “Il conferimento preclude l’esercizio di un’ulteriore attività di direzione artistica da parte del candidato prescelto. Tuttavia, l’incarico non richiede la prestazione di attività in via esclusiva e pertanto il Direttore artistico  è  autorizzato  a  mantenere e/o  attivare  rapporti  di  collaborazione  con  altre  persone  fisiche  o giuridiche in Italia e all’estero purché non abbiano un contenuto di direzione artistica e non presentino conflittualità con le attività svolte dalla Fondazione”. Il candidato dovrà presentare un progetto di promozione del futuro Arsenale quale nuovo luogo per la creatività   contemporanea   e   indicare  quale   programmazione   qui   condurvi   tra   produzione   in   proprio   e affidamento a terzi, tenuto conto che il  budget  minimo  annuo  per  il  2021  è  di 100mila euro, per  il  2022  di 200mila, mentre per  il  2023  e  per  il 2024  sarà  definito  parallelamente  con  la  messa a fuoco del piano di gestione dell’Arsenale. L’incarico, che non prevede dunque la prestazione di attività in via esclusiva, è conferito con contratto triennale con decorrenza entro luglio 2021 dal Cda della Fondazione presieduta da Umberto Croppi, e avrà un compenso di 60mila euro annui al lordo degli oneri di legge, al quale potrà aggiungersi il rimborso spese. C’è tempo fino al 18 giugno 2021 per candidarsi.

– Claudia Giraud

https://www.quadriennalediroma.org

Eventi d'arte in corso a Roma

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).