Contro le verità assolute. Kendell Geers a Milano

La M77 Gallery di Milano accoglie le opere di Kendell Geers: una riflessione sul valore della verità e sui significati ambigui che spesso evoca.

OrnAmentum’EtKriMen è la personale di Kendell Geers (Johannesburg, 1968) a cura di Danilo Eccher, presentata dalla M77 Gallery di Milano. Artista, ma anche attivista, si colloca fin da adolescente nelle prime file della lotta contro l’apartheid nella sua condizione di “afrikaner”, africano bianco. La sua arte è permeata dal rifiuto delle verità assolute: in ogni concetto è insita un’ambivalenza, un nuovo possibile significato. Nel trittico di neon Terrorealismus (2003) le lettere iniziali si spengono a intermittenza in un altare visivo che dimostra questa bipolarità: D-ANGER, T-ERROR, B-ORDER. Nella serie Les Fleurs du Mal (2018-20) le fotografie di incantevoli fiori vengono manipolate fino a sembrare dei fori di proiettile. La stessa parola BELIEVE contiene la parola LIE.

KENDELL GEERS E L’ORNAMENTO

L’ornamento, considerato come un’esperienza passiva dell’arte, è un crimine nella misura in cui ci riduce al solo utilizzo superficiale della vista. L’arte deve essere esperita con tutti i sensi e con tutto il corpo per adempiere al suo potere curativo e sciamanico, come una febbre irruenta che guarisce un potente virus. L’utilizzo di vetri rotti, manganelli, mattoni crea opere esplicitamente violente, graffianti, blasfeme che disertano i dogmi e l’Amen contenuto nel titolo, imponendo allo spettatore una costante partecipazione del corpo e dello spirito.

Martina Massimilla

Evento correlato
Nome eventoKendell Geers - OrnAmenTumEtKriMen
Vernissage21/09/2020 no
Duratadal 21/09/2020 al 30/01/2021
AutoreKendell Geers
CuratoreDanilo Eccher
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoM77 GALLERY
Indirizzovia Mecenate 77 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Martina Massimilla
Martina Massimilla è un’archivista e critica d’arte. Frequenta l’Università degli Studi di Firenze laureandosi in Lettere Moderne (laurea triennale) e poi in Scienze Archivistiche e Biblioteconomiche (laurea magistrale) con una tesi sullo storico lucchese Guglielmo Lera. Iscritta nell’Elenco dei professionisti della Provincia di Lucca nella categoria “Archivisti e catalogatori dei beni librari e documentari e conservatori dei beni culturali”, svolge le sue prime esperienze professionali presso l’Archivio di Stato di Lucca e poi presso il Gabinetto Vieusseux (Palazzo Strozzi, Firenze). Continua il suo percorso professionale specializzandosi negli archivi di moda, partecipando alla digitalizzazione dell’Archivio Gucci presso l’omonimo museo in Piazza della Signoria a Firenze, per poi spostarsi a Roma, lavorando presso l’Archivio Valentino, dove si è occupata della digitalizzazione e metadatazione della rassegna stampa. Ha conseguito un Master in Curatorial Management presso l’Istituto Marangoni di Firenze e dal 2016 è contributing author per Artribune.