Bosco Sodi e l’energia del colore. A Firenze

Da Eduardo Secci Contemporary, prima assoluta a Firenze per l’artista messicano Bosco Sodi, celebre grazie a opere di grande formato e dai colori vivaci. Metafore della razionalità e della casualità dell’esistenza.

In quell’intreccio di fibre naturali, segatura, colla, legno e argilla, Bosco Sodi (Città del Messico, 1970) traccia una mappa della sua ricerca artistica, frutto di un lungo lavoro di osservazione e meditazione. Ogni opera, dipinto o scultura che sia, nasce dall’equilibrio tra materia e colore, in armonia con il luogo di produzione, e rivela l’intimità che caratterizza il lavoro dell’artista; interrogare la materia, seguirne la conformazione quasi a volerne interpretare il destino e dirigerne il corso.

MATERIA E IMPERFEZIONI SECONDO BOSCO SODI

Su quest’humus concettuale si stendono ampi strati di colore; a metà fra l’Action Painting e l’Art Brut, questa seconda parte del processo creativo è affidata in buona parte alla casualità, che a sua volta sfrutta le casuali imperfezioni della materia. Per questo l’energia che scaturisce dal colore è metafora del fluire della vita, transitoria e solo in parte controllabile. Opere dalla forte presenza fisica, e insieme eteree, come istanti di un più lungo cammino.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoBosco Sodi
Vernissage11/09/2020 ore 16
Duratadal 11/09/2020 al 14/11/2020
AutoreBosco Sodi
CuratoreLudovico Pratesi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoEDUARDO SECCI CONTEMPORARY
IndirizzoPiazza Goldoni, 2 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.