L’arte senza volto di Gideon Rubin a Milano

Galleria Monica De Cardenas, Milano ‒ fino al 10 ottobre 2020. L’artista israeliano Gideon Rubin presenta nella galleria milanese la sua prima personale italiana dopo aver riscosso ampio successo all’estero.

Un’operazione di sottrazione volta a creare, quasi paradossalmente, una maggiore immedesimazione con i protagonisti delle opere: è questo l’intento di Gideon Rubin, classe 1973. L’artista israeliano presenta un’antologica basata sul processo di spersonalizzazione dei volti di persone-fantasma colte in momenti di vita quotidiana, eliminandone i tratti somatici o prediligendo altre parti del corpo e ponendo lo spettatore in un dialogo empatico con l’opera stessa. Attribuire naso, bocca e occhi alle figure ritratte diventa secondario: le azioni che si immortalano sono talmente comuni da poter riguardare chiunque indistintamente e le pose dei raffigurati altrettanto riconoscibili da renderne comprensibile il carattere e l’intento.
Le immagini si pongono esattamente a metà strada tra rappresentazione e astrazione, sono spoglie, prive di indizi di lettura, fortemente evocative e rese maggiormente ambigue dall’apparente banalità delle scene. Rubin, utilizzando l’espediente dell’anonimato, propone una personale tematizzazione della raffigurabilità del volto in un’epoca in cui sembra aver perso ogni significato: la cultura dei mass media è impiegata dall’artista solo come fonte che rielabora in un originale linguaggio pittorico dai toni sabbiosi.

Giulia Pacelli

Evento correlato
Nome eventoGideon Rubin
Vernissage03/06/2020 no
Duratadal 03/06/2020 al 10/10/2020
AutoreGideon Rubin
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA MONICA DE CARDENAS
IndirizzoVia Francesco Viganò 4 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Pacelli
Giulia Pacelli è nata nel 1998 a Milano. Sta studiando Arte, Spettacolo ed Eventi Culturali all’Università IULM di Milano. È appassionata di arte, moda, teatro e scrittura. Il suo più grande obiettivo è quello di poter coniugare la sua passione per la comunicazione e la scrittura in ambito artistico con quella della gestione di eventi culturali di vario genere.