La pittura moderna di Simona Weller. A Napoli

Galleria Tiziana Di Caro, Napoli – fino al 25 maggio 2019. La galleria napoletana ospita la mostra personale di Simona Weller. Pittrice raffinata ed eclettica sperimentatrice, è stata negli anni assistente di Giulio Turcato. Nel 1974 lo storico compagno, il poeta Cesare Vivaldi, le dedicò una poesia che riscopriamo oggi nel titolo della mostra: “La pittura è facile e difficile come l’amore”.

Nel dialogo fra Tiziana Di Caro e Simona Weller in occasione dell’intervista realizzata dalla giovane gallerista, leggiamo come dei maestri del calibro di Leoncillo, Ferruccio Ferrazzi, Mario Mafai, Mino Maccari e Giulio Turcato siano stati importanti per la formazione e le influenze artistiche di Simona Weller (Roma, 1940). La sua mostra personale, allestita nelle eleganti sale della galleria napoletana, raccoglie un nucleo fondamentale di opere che riguardano non solo gli esordi, quegli degli Anni Settanta, ma anche le ultime produzioni pittoriche. La cultura linguistica e figurativa della Weller si compone in maniera armonica e dinamica; sulle tele ritroviamo tracce e frasi scritte che attingono da un immaginario inconscio e introspettivo, legato a un’accezione formale vicina alle esperienze del pointillisme francese. L’acceso cromatismo esalta il segno grafico che, se ben analizzato, e articolato sul nero assoluto delle tavole o lavagne, identifica alcuni frammenti di parole, date e riferimenti simbolici. Questi ultimi, insieme ai graffiti bianchi e ad altri segmenti visivi di valore poetico, innescano un concatenamento di volumi dai toni ondosi che rimandano a un vivace lirismo tipicamente cubista.

Giuseppe Amedeo Arnesano

Evento correlato
Nome eventoSimona Weller - La pittura è facile e difficile come l'amore
Vernissage21/03/2019 ore 19,30
Duratadal 21/03/2019 al 25/05/2019
AutoreSimona Weller
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA TIZIANA DI CARO
IndirizzoPiazzetta Nilo, 7 80134 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giuseppe Arnesano
Storico dell'arte e curatore indipendente. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali all'Università del Salento e in Storia dell'Arte Moderna presso l'Università La Sapienza di Roma. Ha conseguito un master universitario di I livello alla LUISS Master of Art di Roma. Giornalista pubblicista, iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti dal 2011, collabora come critico d’arte con Artribune dal 2011. Nel settore della comunicazione culturale, dal 2013 a oggi, ha lavorato con la Soprintendenza Speciale del Polo Museale Romano, con la Fondazione Torino Musei e la Fondazione Carriero a Milano. Tra le mostre recenti è co-curatore del progetto “Studio e Bottega - Tradizione e Creatività nel segno dell’Arte”, ideato da Ilaria Gianni e realizzato negli spazi della Fondazione Pastificio Cerere di Roma.