I confini ritagliati di Sten Lex. A Milano

Wunderkammern, Milano – fino al 20 aprile 2019. La mostra del duo romano di street artist riunisce una serie di opere inedite, create ad hoc per la sede espositiva milanese.

Sten è un uomo e sta per ‘stencil’, Lex è una donna, e in latino vuol dire ‘legge’: insieme formano un duo, e sono tra gli street artist italiani più conosciuti e riconosciuti a livello internazionale. A partire dal 2009, tutte le opere di Sten Lex sono state realizzate con la tecnica da loro inventata dello stencil poster, il cui procedimento artistico verte sulla distruzione delle matrici. Questo rende i loro pezzi unici, irripetibili e soggetti a trasformazione nel tempo.
Per la loro seconda mostra da Wunderkammern (dopo quella del 2015 nella sede romana, intitolata Matrici distrutte), la coppia di artisti offre una riflessione sul tema del confine. L’esposizione include infatti una serie di cartografie in bianco e nero che rimandano a mappe e paesaggi immaginari, situati tra realismo e astrazione, tra arte murale e sperimentazione su carta, tra realtà e fantasia. Le loro carte ritagliate, con residui penzolanti e strappati, riproducono confini vivi e mutevoli, e richiamano con eleganza imperfetta i mondi del graphic design e dell’Optical art. Trasponendoli dalla galleria alla strada, e dalla strada alla galleria.

Margherita Zanoletti

Evento correlato
Nome eventoStenLex - Confini. Ritagli su carta
Vernissage20/03/2019 ore 18,30
Duratadal 20/03/2019 al 20/04/2019
Autore Sten&Lex
CuratoreGiuseppe Pizzuto
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoWUNDERKAMMERN
IndirizzoVia Ausonio 1A - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Zanoletti
Con Francesca di Blasio ha pubblicato la prima traduzione italiana di “We are Going” dell’autrice e artista aborigena australiana Oodgeroo Noonuccal; con Pierpaolo Antonello e Matilde Nardelli ha co-curato “Bruno Munari: the Lightness of Art”. Dal 2004 idea e collabora a progetti formativi, editoriali ed espositivi connessi ad arte e scrittura contemporanee. Dal 2010 lavora presso l’Università Cattolica di Milano. Collabora con Artribune dal 2014.