Una passeggiata con Hamish Fulton sulla pista del Lingotto a Torino. Immagini e video

L’artista che ha fatto del camminare l’origine e lo strumento del suo linguaggio creativo è sbarcato a Torino nei giorni di Artissima con un progetto speciale: una public walk sulla cima del Lingotto, storica pista Fiat

Hamish Fulton, walking tour in occasione di Artissima 2018, Torino
Hamish Fulton, walking tour in occasione di Artissima 2018, Torino

Dagli Anni Sessanta a oggi, Hamish Fulton (Londra, 1946) ha trasformato il gesto del camminare in un mezzo per approfondire e far evolvere la sua pratica artistica. I walking tour organizzati in tutto il mondo sono infatti un elemento imprescindibile nella realizzazione dei lavori finali, disegni su carta e sculture in legno che sublimano l’esperienza stessa della camminata, concretizzandola in un’opera. Dopo Venezia, anche Torino, nei frenetici giorni di Artissima, ha fatto da cornice a un’affollata public walk promossa dalle gallerie Häusler Contemporary di Zurigo e Michela Rizzo di Venezia con il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea.
Venerdì 2 novembre, in un pomeriggio rischiarato da un sole inatteso, il circuito sul tetto del Lingotto ha accolto un folto gruppo di “camminatori”, invitati dall’artista a solcare l’asfalto usato dalla Fiat come superficie di collaudo. Disposti in file, ai capi opposti della pista, i partecipanti si sono mossi gli uni verso gli altri, ripetendo il medesimo itinerario durante l’arco di un’ora esatta. Un tempo lungo a sufficienza per assestare il proprio passo e cadenzarne il ritmo, insieme a quello del respiro. Un’occasione per riacquistare coscienza delle distanze e di tutta la fisicità intrinseca all’atto stesso del camminare, la cui percezione è resa ancora più acuta dal silenzio, regola cardine della performance. Un pubblico eterogeneo di camminatori si è lasciato dirigere dalle proprie gambe lungo direttrici solo in apparenza rigide, presto diluite in nuove traiettorie, determinate dall’incedere dell’altro. Un’azione spontanea, e data per certa, come il camminare ritrova, nella poetica di Fulton, tutta l’attenzione che merita, tramutandosi in una sequenza di movimenti ponderati e densi, forieri di una consapevolezza, quella del proprio corpo, oggi tutt’altro che scontata.

‒ Arianna Testino

Dati correlati
AutoreHamish Fulton
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.