Racconti di guerra. Paolo Ventura a Riva del Garda

MAG, Riva del Garda ‒ fino al 4 novembre 2018. I destini di due soldati, intenzionati a mostrare lo scacco della vita alla morte, è al centro del racconto visivo presentato da Paolo Ventura.

Paolo Ventura (Milano, 1968) riunisce parti dei progetti passati sul tema della Prima Guerra Mondiale e il racconto inedito di Mario S. e Carlo M., due coscritti che partirono per la guerra da Arco. Il talento di Ventura nella sperimentazione di varie tecniche narrative emerge dall’utilizzo di immagini fotografiche, pittoriche e anche modellistiche.
Il suo racconto travalica la fotografia, che ritiene limitante in quanto troppo diretta e legata alla realtà. Ecco perché vuole narrare l’irrazionale attraverso immagini evocative, come dice, e dare una dinamicità al racconto per mezzo di una sequenza. La rappresentazione di queste due storie di soldati, Mario e Carlo, risultano formalmente asettiche, ma è proprio tale aspetto a veicolare il terribile massacro di uomini che c’è stato.
Si muovono come automi e percorrono la scena del proprio destino. I loro volti rappresentano l’incredulità di ciò che vivono, in una sorta di stupefazione metafisica, immortalata nella tragedia.

Claudio Cucco

Evento correlato
Nome eventoPaolo Ventura - Racconti di guerra 2014-2018
Vernissage15/06/2018 ore 18
Duratadal 15/06/2018 al 06/01/2019
AutorePaolo Ventura
Generearte contemporanea
Spazio espositivoMAG MUSEO ALTO GARDA - MUSEO RIVA DEL GARDA
IndirizzoPiazza Cesare Battisti, 3/A 38066 - Riva del Garda - Trentino-Alto Adige
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudio Cucco
Claudio Cucco (Malles Venosta, 1954) attualmente è residente a Rovereto. I suoi studi di Filosofia sono stati fatti a Bologna, è direttore della Biblioteca di Calliano (TN) e critico d’arte. S’interessa principalmente di arte contemporanea e di architettura e dell’editoria legata a questi due linguaggi. Collabora con il quotidiano L’Adige, con la rivista Arte e Critica e la rivista Nuova Informazione Bibliografica, edita da Il Mulino. Dal 2011 fa parte dei collaboratori di Artribune, dopo aver collaborato per anni a Exibart e precedentemente a Tema Celeste.