Lipsia e la pittura. In mostra a Milano

Antonio Colombo Arte Contemporanea, Milano ‒ fino al 7 aprile 2018. “Malerei aus Leipzig” ovvero “pittura da Lipsia” porta per la prima volta in Italia le opere degli artisti della cosiddetta Nuova Scuola di Lipsia.

I cieli di Lipsia e gli insegnamenti della sua scuola attraverso le opere di alcuni dei più interessanti pittori della Germania dell’est, protagonisti del nuovo rinascimento figurativo tedesco dopo la caduta del muro: Malerei aus Leipzig ‒ a cura di Ivan Quaroni ‒ è la mostra che porta per la prima volta in Italia gli ex allievi della Hochschule für Grafik und Buchkunst di Lipsia.
I personaggi femminili di Rosa Loy – la moglie del pittore Neo Rauch ‒, le reiterazioni geometriche e i richiami al futurismo di Christoph Ruckhäberle e l’immaginario paesaggistico di Peter Busch, Tilo Baumgärtel e Tom Fabritius diventano gli emblemi, anzi le figure, di come, dopo la caduta del muro, sia stato possibile per la città della Germania est e la sua Nuova Scuola aprirsi alla novità pur conservando quei tratti figurativi tipici della pittura di regime.

Barbara Bolelli

Evento correlato
Nome eventoMalerei aus Leipzig / Little Circus - Joshua Huyser
Vernissage15/02/2018 ore 18,30
Duratadal 15/02/2018 al 07/04/2018
AutoriChristoph Ruckhäberle, Joshua Huyser, Tilo Baumgärtel, Peter Bush, Tom Fabritius, Rosa Loy
CuratoreIvan Quaroni
Generiarte contemporanea, personale, collettiva
Spazio espositivoANTONIO COLOMBO ARTE CONTEMPORANEA
IndirizzoVia Solferino, 44 20121 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Barbara Bolelli
Barbara Bolelli nasce a Vizzolo Predabissi, in provincia di Milano, il primo settembre 1987. Frequenta il liceo classico della sua città (San Donato Milanese) e poi si iscrive a Lettere Moderne all’Università Statale di Milano. Si laurea con una tesi in Estetica sulla Medea di Pier Paolo Pasolini e con una borsa di studio va a Roma, dove frequenta il Master in Comunicazione e Giornalismo di Moda presso Eidos Communication. Inizia da subito a lavorare nella moda come giornalista per Book Moda, con cui collabora da oltre due anni.