Il mondo delle relazioni. Caroline Mesquita a Roma

T293, Roma – fino all’8 dicembre 2017. Vincitrice del Ricard Prize ormai giunto alla diciannovesima edizione, Caroline Mesquita si presenta da T293 con un intrigante vocabolario artistico che sfrutta la rozza materialità del metallo per raccontare la complessità degli universi relazionali.

Nel mondo delle relazioni non è possibile assegnare verità assolute, ma soltanto gradi di verità, determinati dai singoli soggetti che ogni volta stabiliscono interazioni differenti. Caroline Mesquita (Brest, 1989; vive a Parigi) esplora questo mondo, soffermandosi sull’ambiguità dei processi relazionali e sulla loro capacità di modificare il comportamento e la natura degli elementi.
Le sue sculture esposte da T293 assomigliano agli Spomenik della Jugoslavia di Tito, a pezzi di astronavi cadute dal cielo, a brani di metallo tagliati, saldati e ossidati o anche a bizzarri totem appartenenti a civiltà futuristiche: dipende dal nostro vissuto e dal nostro modo unico di rapportarci alle cose. Insiste su questi concetti anche un video con protagonista un tassista solitario che incontra misteriosi personaggi interpretati sempre dallo stesso attore: le relazioni tra loro li trasformano in umanoidi di metallo, riconfigurando di continuo i concetti di genere, personalità, sesso e socialità.

Francesca Mattozzi

Evento correlato
Nome eventoCaroline Mesquita - Night Engines
Vernissage10/11/2017 ore 18
Duratadal 10/11/2017 al 08/12/2017
AutoreCaroline Mesquita
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoT293
Indirizzovia Ripense 6 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Mattozzi
Francesca Mattozzi ha un background da danzatrice che l’ha vista lavorare sia in TV che a teatro con coreografi di fama internazionale, quali Luca Tommassini e Martino Müller. È laureata in storia dell’arte e dell’arte ama soprattuto gli eventi perché, grandi o piccoli che siano, le permettono di esplorare e raccontare il panorama artistico e culturale contemporaneo. È curioso, ma quando non vedete Francesca a una vernice, una performance o un finissage, la trovate chissà dove a pianificare le prossime avventure.