Cecilia Alemani racconta in video i Frieze Projects. In attesa del Padiglione Italia

Freme per andare a Venezia a vedere come procede l’allestimento “completo all’85%”, dice, del ‘suo’ Padiglione Italia. Intanto Cecilia Alemani è a New York a curare i progetti speciali della fiera Frieze. 

Cecilia Aemani
Cecilia Alemani

La curatrice milanese ci racconta in video Elaine Cameron-Weir con un bunker costruito all’esterno del tendone espositivo, il cinema di Jon Rafman, i tre Leonardo Di Caprio che si aggirano per la fiera ciascuno abbigliato come un personaggio dei suoi film più famosi nella performance di Dora Budor e infine il Teatro delle Mostre, omaggio alla Galleria la Tartaruga di Roma che mise in scena nel maggio del 1968 una serie di eventi espositivi che cambiavano ogni giorno, passaggio cruciale per artisti che divennero grandi. Si alternano Giosetta Fioroni (nella parte finale del filmato con una esclusiva irruzione dentro la scena, solitamente visibile solo da uno spioncino), Fabio MauriRyan McNamara e Adam Pendleton.

Eccolo il menù di quest’anno per Frieze Projects. A curare la sezione delle proposte curatoriali sempre Cecilia Alemani che in questo video ci introduce il settore da lei seguito (il resto del lavoro lo fanno le foto nella nostra gallery) e ci spiega come ha fatto a conciliare questo impegno con quello – quasi contemporaneo – del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimiliano Tonelli
È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena, dal 1999 al 2011 è stato direttore della piattaforma editoriale cartacea e web Exibart. Ha moderato e preso parte come relatore a numerosi convegni e seminari; ha tenuto docenze presso centri di formazione superiore tra i quali l’Istituto Europeo di Design, l'Università di Tor Vergata, l'Università Luiss, l’Università La Sapienza di Roma ed è professore a contratto allo IULM di Milano. Ha collaborato con numerose testate tra cui Radio24-Il Sole24 Ore, Time Out, Formiche. Suoi testi sono apparsi in diversi cataloghi d’arte contemporanea e saggi di urbanistica e territorio. È stato giurato in svariati concorsi di arte, architettura, design. Attualmente dirige i contenuti di Artribune e del Gambero Rosso.