Affinità elettive. Grazia Toderi e Orhan Pamuk a Rovereto

Mart, Rovereto – fino al 2 luglio 2017. Dall’inclinazione dell’uomo a esplorare lo spazio e a interrogare le stelle nasce la collaborazione tra il premio Nobel per la letteratura Orhan Pamuk e la videoartista Grazia Toderi. Dopo l’anteprima a Torino, il progetto artistico a quattro mani approda nel museo trentino attraverso otto videoproiezioni. Punto di partenza è il dialogo sotto il cielo stellato dei due protagonisti del romanzo “Il Museo dell’Innocenza”.

Grazia Toderi & Orhan Pamuk, Words and Stars (Dialogo), 2013-17
Grazia Toderi & Orhan Pamuk, Words and Stars (Dialogo), 2013-17

Visioni cosmiche e sensazione di infinito sono al centro di Words and Stars, la mostra che, a seguito dell’anteprima torinese, celebra l’incontro tra Grazia Toderi (Padova, 1963) e lo scrittore turco Orhan Pamuk (Istanbul, 1952). Proiezione verso immaginari futuri, ma anche ritorno alle origini, alle prime domande che l’uomo formulò osservando le stelle. “Perché l’essere piuttosto che il nulla?”.
È una trasposizione visiva di un dialogo metafisico, come se il Timeo di Platone prendesse forma. Le stelle per il filosofo erano strumenti del tempo e come il mondo sensibile è imitazione di quello intellegibile, così il tempo è imitazione dell’eternità. Non a caso esso viene identificato con il movimento circolare, una costante anche nel lavoro della videoartista Grazia Toderi.

Grazia Toderi & Orhan Pamuk, Words and Stars (Monologo), 2013-17
Grazia Toderi & Orhan Pamuk, Words and Stars (Monologo), 2013-17

DAL ROMANZO ALLE ARTI VISIVE

L’idea nasce da lontano, da un libro, Il Museo dell’Innocenza, che diventa anche un progetto artistico a Istanbul da parte di un “romanziere visivo”, come si definisce Pamuk. I protagonisti Füsun e Kemal si interrogano sul mondo contemplando le stelle, vivendo la stessa sensazione di infinito provata dallo scrittore alla Biennale di Venezia del 2009 di fronte all’opera Orbite Rosse della Toderi. Nasce l’idea di una collaborazione tra quest’ultima e il letterato che travalichi i limiti del Museo dell’Innocenza per espandersi in altri luoghi. Un’anteprima viene presentata a Torino in occasione di Artissima 2016, al Planetario di Pino Torinese e a Palazzo Madama.

Grazia Toderi & Orhan Pamuk, Words and Stars (Conversazione), 2013-17
Grazia Toderi & Orhan Pamuk, Words and Stars (Conversazione), 2013-17

FUSIONE TRA PAROLA E IMMAGINE

Al Mart le due personalità si fondono nel comune sentire la stretta relazione tra cielo e terra, quasi che le costellazioni, scritture celesti, abbiano suggerito i tracciati su cui costruire le città. Le videoproiezioni associano il paesaggio celeste, la Via Lattea, al paesaggio notturno creato dalle luci di Istanbul mentre il testo scorre come su un pentagramma.
È nata così un’opera in tre parti: un monologo, un dialogo e una conversazione, rappresentati da otto proiezioni video in cui le parole fluttuano su orbite intersecando le immagini.
Nel monologo il bianco e nero rappresentano l’aspetto tipografico della scrittura, il momento in cui la dimensione narrativa è più presente. Il dialogo nasce invece da uno sdoppiamento delle immagini e delle parole, assume toni blu e turchesi a rappresentare la stella che si avvicina. Nella terza installazione, costituita da cinque proiezioni disposte a pentagono, lo spettro si sposta verso il rosso, indicando l’allontanamento della stella.
Si tratta di una polifonia in cui la parola si fa di tutti, frantumandosi in un coro a più voci attraverso l’identificazione dello spettatore e le domande esistenziali che possono sorgere. Ulteriore elemento è il suono, strettamente correlato alle immagini in tutti i lavori della Toderi, che rievoca il rumore del mare mescolato a quello del vento e dell’aeroplano, ma è soprattutto proiezione nello spazio di una realtà interiore.

Antonella Palladino

Evento correlato
Nome eventoGrazia Toderi e Orhan Pamuk - Words and Stars
Vernissage02/04/2017 ore 10-18
Duratadal 02/04/2017 al 02/07/2017
AutoriGrazia Toderi, Orhan Pamuk
CuratoreGianfranco Maraniello
Generearte contemporanea
Spazio espositivoMART MUSEO D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO
IndirizzoCorso Angelo Bettini 43 - Rovereto - Trentino-Alto Adige
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Antonella Palladino
Ha studiato Storia dell’arte presso le Università di Napoli e Colonia, laureandosi in Conservazione dei Beni Culturali con una tesi dal titolo “Identità e alterità dalla Body Art al Post-Human”. Ha proseguito la propria formazione alla Fondazione Morra e poi al Mart di Rovereto. Ha collaborato come assistente con la Galleria Umberto di Marino e con Filippo Tattoni -Marcozzi, ex direttore della Goss- Michael Foundation. Nel 2009 si è trasferita in Trentino–Alto Adige dove ha iniziato l’attività di critico scrivendo per Artribune, Juliet Art Magazine, Exibart, Kulturelemente, Salto.bz. Ha curato la mostra Noisy di Gianluca Capozzi, Lichtkammer di Harry Thaler, Walking in Beuys Woods di Hannes Egger e i relativi eventi collaterali. È critico d’arte e docente di Storia dell’arte titolare nella provincia di Pavia.