In viaggio con Cristian Castelnuovo. A Cagliari

Galleria Macca, Cagliari – fino al 18 aprile 2017. “Blu”, colore della calma e dell’equilibrio, è il titolo della prima personale sarda del fotografo Cristian Castelnuovo, curata da Efisio Carbone. Un percorso silenzioso tra le frenesie contemporanee.

Cristian Castelnuovo, Jfk Arrivals, 2005. Stampa banner pvc con tecnica UV telaio in legno
Cristian Castelnuovo, Jfk Arrivals, 2005. Stampa banner pvc con tecnica UV telaio in legno

A chi non è mai capitato di perdersi guardando fuori dal finestrino di un aereo? Gli Oblò di Cristian Castelnuovo (1977), finestra sul mondo realizzata a grandezza naturale senza ricorrere alla postproduzione, restituiscono l’atmosfera sognante che accompagna l’inizio di un’avventura.
L’immaginario di Castelnuovo è pervaso da un silenzio irreale, anche quando a essere ritratti sono la folla di un concerto dei Red Hot Chili Peppers o gli spazi di aeroporti e stazioni metropolitane. Un luogo palpitante viene così privato della sua consueta frenesia. Dell’accelerazione del mondo contemporaneo rimane solo un’eco lontana, come accade in JFK Arrivals: inconsueta visione di uno degli scali internazionali più trafficati, insignita del Premio Celeste 2006. Una prospettiva ardita che attrae lo spettatore al suo interno, portandolo a riflettere sulla contemporaneità attraverso un anonimo luogo di transito, in cui non è chiaro se si stia partendo o se si stia arrivando a destinazione. A noi, passeggeri distratti, non rimane che proseguire il viaggio.

Elisabetta Masala

Evento correlato
Nome eventoCristian Castelnuovo - Blu
Vernissage09/03/2017 ore 19
Duratadal 09/03/2017 al 18/04/2017
AutoreCristian Castelnuovo
CuratoreEfisio Carbone
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA MACCA
IndirizzoVia Lamarmora 136 - Cagliari - Sardegna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Elisabetta Masala
Nata a Cagliari, si laurea in Storia dell'arte formandosi tra la Sardegna, la Spagna e Roma. Nel 2014 consegue il diploma di Specializzazione in beni storico-artistici presso l'Università di Roma “La Sapienza” con una tesi in Storia dell'arte contemporanea. Si è occupata dell'organizzazione di mostre a partire dalla curatela collettiva di "Italia Ora" presso il Museo H. C. Andersen di Roma (2011), sotto la direzione scientifica di Achille Bonito Oliva. Nel 2012 collabora con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali nell’unità operativa promozione, comunicazione e organizzazione di grandi eventi culturali, nello specifico per: Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa, 13. Mostra Internazionale di Architettura – Biennale di Venezia, Forum Corviale. È autrice di "Salvatore Fiume e i giochi della memoria", primo volume della collana Sfogliando il Novecento a cura di Micol Forti. Il volume, dedicato alle opere di Fiume della Collezione d'Arte Contemporanea dei Musei Vaticani, è stato presentato nel 2015 da Antonio Paolucci.