Il gioco del rovescio. Judith Hopf a Bolzano

Museion, Bolzano – fino all’8 gennaio 2017. Trenta lavori tra video, sculture, installazioni, collage. L’artista tedesca mette in scena infinite storie di piccoli grandi intoppi quotidiani. Con arte sottile e ironica, pone in questione le nostre certezze e le nostre abitudini personali e sociali.

Judith Hopf – Up - exhibition view at Museion, Bolzano 2016 - photo Luca Meneghel
Judith Hopf – Up - exhibition view at Museion, Bolzano 2016 - photo Luca Meneghel

Un fulminante avverbio di luogo, “Up”, dà il titolo alla prima personale in un museo italiano della tedesca Judith Hopf (Karlsruhe, 1969; vive e lavora a Berlino). “Up” sta per tensione verso l’alto, ma anche per difficoltà a raggiungerlo, interruzione, colpo di scena, suspense. “Up” è una continua sospensione o vacillazione del senso, un infinito scontrarsi con ostacoli, inadeguatezze, inciampi visivi.
Solo che il tutto è ottenuto dalla Hopf con un tale atteggiamento ironico e giocoso che, se da una parte “decostruisce” certezze, luoghi comuni, convenzioni sociali, dall’altra ci introduce nella sua sfrontata disponibilità al trucco, al sotterfugio. L’artista non lancia il sasso e poi nasconde la mano, ma esibisce proprio la plausibilità dell’assurdo, l’imprevedibilità del luogo comune, l’eternità dell’istante passeggero. Con dei mattoni scolpisce un pallone da calcio o un trolley da viaggio: è l’inganno palese, il paradosso lampante che ci viene mostrato. Ma con gli stessi mattoni costruisce anche dei muretti che tagliano e suddividono lo spazio, facendosi autentici elementi architettonici. E guarda pure al passato, realizzando piedi, dita, mani che rimandano ai colossi di epoca romana.

UNA DIMENSIONE IMPERFETTA

Ma la Hopf vuole che le sue opere dialoghino con il paesaggio, con i monti, con la città di Bolzano. Ed ecco, allora, il suo gregge di pecore (Flack of Sheep), creature in cemento che vengono da scatole di cartone o Raben, una serie di porcellane nere dalla vaga sembianza di corvi, plasmate partendo da custodie di medicinali. Come a dire che tutto è da leggere al di là di ciò che appare. La stessa struttura minimale a cui i vari elementi sembrano rifarsi è irrisa: la serialità, l’assenza di contenuti, l’ascetismo formale si rovesciano in una sorta di dimensione imperfetta, goffa, buffa.

Judith Hopf – Up - exhibition view at Museion, Bolzano 2016 - photo Luca Meneghel
Judith Hopf – Up – exhibition view at Museion, Bolzano 2016 – photo Luca Meneghel

UN CIRCUITO DI EQUIVOCI

Ed è anche quello che si ritrova nei film della Hopf (spesso proiettati in angusti spazi chiusi, da lei stessa costruiti). Da Husse 2, dove un Suv perde il controllo su una strada di montagna a Some End of things: the Conception of youth, in cui un uomo travestito da uovo gigante si muove impacciato tra vetri e muri di un’architettura modernista. È sempre uno stato di costrizione e di imprigionamento da superare, un desiderio di affermazione soggettiva che suggerisce il lavoro dell’artista. È un bisogno di minare le strutture del reale, di rompere gli schemi, di ribellarsi come fa la ragazza di Lily’s laptop, che si vendica di una privazione allagando un intero appartamento. Un vero mondo di sovversioni, un circuito di equivoci, un relais di intenzioni e di soluzioni ambigue.

Luigi Meneghelli

Evento correlato
Nome eventoJudith Hopf - Up
Vernissage30/09/2016 ore 19
Duratadal 30/09/2016 al 08/01/2017
AutoreJudith Hopf
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMUSEION
IndirizzoPiazza Piero Siena 1 - Bolzano - Trentino-Alto Adige
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Luigi Meneghelli
Laureato in lettere contemporanee, come critico d'arte ha collaborato e/o collabora a quotidiani (Paese Sera, L'Arena, L'Alto Adige, ecc.) e a riviste di settore (Flash Art, Le Arti News, Work Art in progress, Exibart, ecc.). Ha diretto e/o dirige testate culturali come Veronalive. Come curatore ha collaborato con spazi pubblici, tra cui Mart, Palazzo Forti, Museion e in occasione di mostre personali ha pubblicato saggi su Kantor, Novelli, Turcato, Vedova, Chiari, Fioroni, Boetti, Mambor, Masuyama, Hernandez, ecc. Ha curato mostre tematiche e di gruppo in Italia e all'estero, come La Pop Art Italiana, La Nuova Scuola Romana, L'Arte Povera, La Body Art. Si è interessato di Pubblic Art con esposizioni e dibattiti. E' stato selezionatore per il Triveneto delle nuove emergenze per riviste ed esposizioni. E' stato commissario italiano per la rassegna internazionale “Frontiera 92” (BZ) e commissario alla Biennale di Venezia (’93)… Insegna presso l'Accademia di Belle Arti di Verona.