Riaprono i musei in (quasi) tutta Italia nelle regioni gialle (e in Vaticano)

Sono molte le regioni che da domenica 31 gennaio torneranno gialle e potranno finalmente riaprire (ma solo nei giorni feriali) i musei

Dopo una prima apertura che aveva visto lo scorso 18 Gennaio 2021 un primo spiraglio di luce per i musei, concedendo con l’ultimo Dpcm alle regioni Basilicata, Campania, Molise, Sardegna, Toscana e alla provincia di Trento la possibilità di schiudere finalmente (ma solo nei giorni feriali) le porte dei loro musei in Italia si torna finalmente ad una parvenza di normalità. Con il Dpcm che entrerà in vigore da domenica 31 gennaio entrano infatti in fascia gialla anche Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Veneto, Valle d’Aosta, Lazio e dopo il bailamme sui dati sbagliati delle ultime settimane anche la Lombardia. Restano invece in zona arancione Puglia, Sicilia, Sardegna, Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano, che recentemente si era invece autodichiarata “gialla”, facendo leva sulla propria autonomia. Resta inteso, dunque, che nelle aree sopra citate i musei non riapriranno.

LE NUOVE DECISIONI

Nelle regioni gialle quindi i musei potrebbero riaprire già a partire da martedì prossimo, fino a venerdì, lasciando fuori i week end e ovviamente nelle forme contingentate e con il distanziamento sociale previsti dalle normative di legge. Un primo sospiro di sollievo per le istituzioni del nostro Paese e per i loro direttori. I rappresentati dei musei di arte contemporanea avevano già espresso forti perplessità circa la chiusura e, uniti sotto il cappello di AMACI– Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani avevano inviato una lettera al Presidente (oggi dimissionario) del Consiglio Giuseppe Conte e al Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini sottolineando come “questa riapertura parziale rischi di penalizzare ulteriormente il loro ruolo e la loro funzione sociale, mettendo a rischio la sostenibilità, non soltanto economica e finanziaria, per molti di essi. I musei e i luoghi di cultura non sono tutti uguali tra loro. A undici mesi dall’inizio della pandemia, l’indice di contagio in territori vasti come le Regioni non può più essere l’unico elemento a determinare la chiusura o la riapertura di queste istituzioni. AMACI chiede che i musei e i loro rappresentanti vengano coinvolti nella valutazione sulle riaperture di questi luoghi in relazione, non soltanto all’indice del contagio, ma anche alla densità della popolazione e alla media annuale dei visitatori, in modo che possano essere fatte tutte le valutazioni necessarie affinché riescano a mantenere vivo il legame con il proprio pubblico e con il proprio territorio“.

RIAPRONO I MUSEI IN (QUASI) TUTTA ITALIA

Molti dunque i musei che riapriranno le porte presumibilmente a partire dal prossimo martedì (ma i Musei Vaticani anticipano a lunedì 1 febbraio, anche se non parliamo di un museo italiano). A Milano il Museo del Novecento ha in corso le personali di Franco Guerzoni (fino al 14 febbraio) e il Premio Acacia Loris Cecchini. In Emilia Romagna, il MAMbo aveva messo in stand by il progetto dedicato a Nino Migliori, e poi ci sono il Part di Rimini, la Fondazione Modena Arti Visive e molte altre istituzioni, con le loro rispettive attività. In Piemonte il Castello di Rivoli, che si è anche prestato come sede vaccinale, ha la mostra dedicata a Claudia Comte e diverse iniziative sparse per la regione. C’è da comprendere se i musei riusciranno con così poco preavviso a riorganizzare risorse e personale, ovviamente garantendo l’igienizzazione degli spazi e la strutturazione dei percorsi a norma. Così come se chi ha dovuto mettere in pausa la propria programmazione potrà rispettare le tabelle di marcia o dovrà allungare i progetti che non hanno avuto la giusta collocazione nel tempo e nell’agenda. Ma nel frattempo, quella di una possibile riapertura è già una buona notizia.

1. LE RIAPERTURE A ROMA

Il Macro a Roma

A Roma finalmente vedranno la luce a partire dal 3 febbraio i prossimi appuntamenti del Museo per l’Immaginazione Preventiva di Luca Lo Pinto al Macro, bloccato un po’ ai nastri di partenza dall’emergenza Covid, in una Roma burrascosa che ha appena sostituito l’Assessore alla Cultura a pochi passi dalle prossime elezioni cittadine. Tra i progetti espositivi in programma al Macro, è Campo di Marte prima grande personale in un’istituzione museale italiana di Nathalie Du Pasquier. Sempre nella Capitale da lunedì 1° febbraio riapriranno al pubblico il Palazzo delle Esposizioni, Mattatoio, Musei Capitolini (con la grande mostra dedicata ai Marmi Torlonia, visitabile fino al 29 giugno), Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, il Museo di Roma a Palazzo Braschi, il Museo dell’Ara Pacis (dove sarà inaugurata la mostra JOSEF KOUDELKA. RADICI Evidenza della storia, enigma della bellezza), il Museo di Roma in Trastevere, la Galleria d’Arte Moderna, i Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo Napoleonico, Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, Museo di Casal de’ Pazzi, Museo delle Mura, Villa di Massenzio, il Chiostro del Bramante (con la mostra BANKSY A VISUAL PROTEST). Da lunedì 1 febbraio aprirà anche la Galleria Borghese con Ci siete mancati, due settimane di eventi speciali che vedrà tutte le mattine la direttrice Francesca Cappelletti, in alternanza con uno storico dell’arte o un restauratore del Museo, raccontare il recentemente acquisito dipinto Danza campestre di Guido Reni. Inoltre, tutti i pomeriggi alle ore 16 sono previste delle mini visite tematiche a sorpresa nelle sale del museo, tutte riaperte, realizzate dai funzionari della Galleria, in attesa di riprendere al più presto l’attività didattica. L’1 febbraio è prevista anche la riapertura del Parco Archeologico del Colosseo, e di Palazzo Barberini, con le mostre Plasmare l’idea. Pierre-Étienne Monnot, Carlo Maratti e il monumento Odescalchi, a cura di Maurizia Cicconi, Paola Nicita e Yuri Primarosa in programma fino al 2 maggio; La Cananea restaurata. Nuove scoperte su Mattia e Gregorio Preti, a cura di Alessandro Cosma e Yuri Primarosa – anche questa fino al 2 maggio -; L’ora dello spettatore. Come le immagini ci usano, a cura di Michele Di Monte e visitabile fino al 5 aprile. Da giovedì 4 febbraio 2021 riapre al pubblico a Palazzo delle Esposizioni a Roma, l’edizione 2020 della Quadriennale d’arte, dal titolo FUORI, a cura di Sarah Cosulich e Stefano Collicelli Cagol: più di 300 opere realizzati da 43 artisti per illustrare un percorso alternativo nella lettura dell’arte italiana dagli anni Sessanta a oggi. Il 2 febbraio riapre anche il MAXXI, con un biglietto speciale a 5 euro. È stata prorogata fino al 21 febbraio la mostra Giovanni Gastel, The people I like,nello Spazio ExtraMAXXI, mentre nella Galleria 1 al piano terra  i visitatori troveranno senzamargine. Passaggi nell’arte italiana a cavallo del millennio, il nuovo allestimento della collezione con opere di nove autori dell’arte italiana contemporanea. Prorogata anche la mostra Isaac Julien. Lina Bo Bardi – Un meraviglioso groviglio; mentre negli spazi del Centro Archivi è in corso ARCHITETTURA, SILENZIO E LUCE. Louis Kahn nelle fotografie di Roberto Schezen.

2. LE RIAPERTURE A TORINO

Musei Reali di Torino

Sempre da lunedì 1 febbraio riapriranno al pubblico i Musei Reali di Torino, con le mostre Capa in color (prorogata fino al 30 maggio), Sulle tracce di Raffaello nelle collezioni sabaude Beyond walls – Oltre i muri (entrambe prorogate fino all’11 aprile). Riapre inoltre il Centro Italiano per la Fotografia con la mostra Paolo Ventura. Carousel, prorogata al 28 febbraio. Nelle settimane di apertura in febbraio, CAMERA attiva, per offrire ai giovani un segnale e un’opportunità, una speciale tariffa d’ingresso a 1 euro valida per i visitatori dai 13 ai 26 anni.

3. LE RIAPERTURE IN EMILIA ROMAGNA

Niccolò dell’Arca, Compianto del Cristo Morto (particolare), seconda metà del Quattrocento – Chiesa di Santa Maria della Vita, Bologna

Con il rientro in zona gialla dell’Emilia Romagna, a Bologna si riaprono le porte dei Musei di Genus Bononiae: a partire da Palazzo Fava con la mostra La Riscoperta di un Capolavoro all’Oratorio di Santa Maria della Vita che ospita Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna, con gli scatti dei fotoreporter Walter Breveglieri e Paolo Ferrari. Tornano visitabili anche il Compianto di Niccolò dell’Arca a Santa Maria della Vita, Palazzo Pepoli e la Collezione Tagliavini a San Colombano; riapre a regime normale, dal lunedì al venerdì, la Biblioteca d’Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale. A Parma a Palazzo Tarasconi riapre la mostra dedicata ad Antonio Ligabue, in programma fino al prossimo 30 maggio.

4. LE RIAPERTURE A MILANO E LA RISPOSTA DELL’ASSESSORE DEL CORNO

Milano, Piazza Duomo, ph. Arbalete, fonte Wikimedia

Riaprirà il 2 febbraio la Triennale, con la mostra dedicata a Enzo Mari, “Claudia Andujar: la lotta Yanomami” e “Mirabilia”, e il 3 febbraio Pirelli HangarBicocca. Bisognerà attendere ancora un po’ di tempo per la riapertura degli altri musei, stando a quanto dichiarato dall’assessore alla Cultura Filippo Del Corno: “aprire un museo non è come accendere un interruttore, ci vuole tempo e soprattutto serve serietà e la programmazione necessaria che un passaggio settimanale o quasi da una fascia di rischio all’altra non permette di avere. Il Comune sta lavorando per promuovere un’apertura coordinata e massiccia di tutti i musei cittadini, quelli civici naturalmente, ma anche quelli privati e statali, ma abbiamo bisogno che la situazione si stabilizzi. Ripartire subito ci esporrebbe al rischio di dover rifermarci, magari tra due settimane. Senza contare che per fare in modo che la ripresa sia davvero sostenibile economicamente e socialmente, gli spazi devono essere visitabili anche il sabato e la domenica”. Riaprire sì, ma con la certezza di poter restare aperti anche il sabato e la domenica, giorni in cui i musei solitamente registrano un maggior flusso di visitatori. L’apertura dei musei milanesi potrebbe arrivare nel corso del mese di febbraio, con l’intenzione però di organizzare una sorta di apertura generale/festa di rinascita a marzo in occasione di MuseoCity.

5. LA RIAPERTURA DELLE GALLERIE D’ITALIA

Gallerie d’Italia di Piazza la Scala

Riapertura in programma il prossimo 4 febbraio per le Gallerie d’Italia di Intesa San Paolo a Milano, Vicenza e Napoli. A Milano è stata prorogata fino al 2 maggio la mostra  Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa, a cura di Fernando Mazzocca e Alessandro Morandotti, dedicata a Giambattista Tiepolo nei 250 anni dalla scomparsa, e la mostra Ma noi ricostruiremo. La Milano bombardata del 1943 nell’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo, a cura di Mario Calabresi, prorogata fino al 16 maggio. A Vicenza, a Palazzo Leoni Montanari, è stata prorogata fino al 27 giugno la mostra Futuro. Arte e società dagli anni Sessanta a domani, a cura di Luca Beatrice e Walter Guadagnini; mentre a Napoli, a Palazzo Zevallos Stigliano, riporta fruibile uno dei principali capolavori delle collezioni Intesa Sanpaolo: il Martirio di sant’Orsola di Caravaggio e le opere dello “scugnizzo scultore” Vincenzo Gemito, rientrate dopo i prestiti a Parigi e Capodimonte.

6. LE RIAPERTURE A GENOVA

Palazzo Ducale, Genova

Riapre l’1 febbraio anche la mostra Michelangelo Divino Artista, al Palazzo Ducale di Genova, curata da Cristina Acidini Con Alessandro Cecchi ed Elena Capretti e visitabile fino al 2 maggio. Da mercoledì 3 febbraio nel Sottoporticato di Palazzo Ducale apre al pubblico la mostra performativa ideata da Davide Livermore Edipo: Io contagio, una riflessione sulla pandemia partendo dalla tragedia di Sofocle Edipo Re, in cui il protagonista si interroga sulla terribile pestilenza che ha colpito la città da lui governata, Tebe, e su come provare ad arrestare il contagio.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.