“Lo scopo dell’esistenza è crescere, evolvere. Questa crescita/evoluzione consiste nell’essere altro, nell’essere l’altro, nella capacità di immedesimazione ed empatia. L’intelligenza è condividere i pensieri e le idee che provengono dal fuori, dall’altro da sé, dall’estraneo/alieno”. Secondo capitolo del ciclo di mini saggi di Christian Caliandro dedicati alla Fase Tre.

Lo scarto, la poetica dello scarto, rappresenta l’inversione di senso: concentrarsi su, dare attenzione e importanza a ciò che viene scartato, rimosso, nascosto, buttato via, non visto. Questo elemento marginale, trascurato, diviene il centro, il fulcro, il nucleo dell’attenzione, dell’indagine e della ricerca.

Il tempo morto.
L’azione quotidiana.
Il frammento più umile e insignificante.
L’aspetto più irrilevante e noioso.
Il gesto più sciocco.
L’immagine più stupida.
Il discorso più banale.
La relazione più immediata.

***

Il punto fondamentale, a cui arrivare e/o a cui tornare, e l’indistinzione.
L’indistinzione tra io e l’altro, tra io e il mondo.
Tra figura e sfondo – tra storia e nonstoria – tra forma e nonforma.
È questo, in fondo, il senso di Miles Davis (nell’aneddoto raccontato da Herbie Hancock) che durante un concerto del 1963 non percepisce le note del giovane pianista come stonate, come un errore – ma solo e soltanto, semplicemente, come un evento – qualcosa cioè che accade, che entra a far parte della realtà e con cui occorre interagire, stabilire una relazione ed entrare in rapporto. La relazione, nella sua forma più pura e interessante e radicale, è non solo interazione ma indistinzione: essere in grado di pensare-con (con-pensare, come scrive Donna Haraway), e di pensare-come-l’altro, di essere l’altro e il suo pensiero, la sua idea, la sua visione del mondo e il suo mondo. Anche e soprattutto non condividendoli.

  • INTERAZIONE
  • INDISTINZIONE
  • IDENTIFICAZIONE

Invece di avvelenarsi. (…) E anche, invece di sprecare quarant’anni nell’attesa di qualcosa che aveva già deciso di abbandonare” (Philip K. Dick, The Zap Gun – Il sognatore d’armi, Mondadori 1998, p. 201).

26 ottobre 2020.  “Passi gli anni di studio sprecando / coraggio per gli anni di vagabondaggio /attraverso un mondo che / educatamente si tiene alla larga / dalla volgarità di imparare” (Samuel Beckett, Gnome, 1934). Sei il frutto di milioni di anni di evoluzione – tu, proprio tu. Sei spossessato di te, tu non sei tu, tu non esiste, tu sei altri, tu sei tutti e tutto – e sei il punto più alto, qui e ora, hic et nunc, di questa evoluzione della specie umana – questa dimensione non nega affatto l’autobiografia, i ricordi, gli innesti, le influenze, i traumi, i condizionamenti, i benefici e le disposizioni, ma sussume tutto questo, lo ingloba e lo comprende in una prospettiva comune, collettiva, universale.
Da questo punto di vista che è tutti i punti di vista (che comprende anche gli altri punti di vista), puoi considerare il passato e il futuro, vedere e sapere quello che avverrà non a livello di aneddoto, di fatterello, di episodio, ma di fenomeno e quadro profondo e vasto, una visione d’insieme delle condizioni tratte da quelle attuali.

***

Lo scopo dell’esistenza è crescere, evolvere.
Questa crescita/evoluzione consiste nell’essere altro, nell’essere l’altro, nella capacità di immedesimazione ed empatia. L’intelligenza è condividere i pensieri e le idee che provengono dal fuori, dall’altro da sé, dall’estraneo/alieno. (Questo significa, tra l’altro, vivere nello spazio matriarcale.) Più sono capace di fare questo, più capisco la realtà e il mondo, più la mia analisi/indagine/esplorazione di questa realtà risulta efficace e affidabile. Predire, prefigurare significa analizzare con accuratezza e profondità i dati e le informazioni e gli elementi che sono a disposizione di tutti: è già tutto lì, il senso si trova davanti a me e a noi, pronto per essere colto.

***

Alessandro Scarabello, Perseus, 2020, olio su tela, cm 170x123
Alessandro Scarabello, Perseus, 2020, olio su tela, cm 170×123

Una forma completamente aperta, informe, disponibile ad accogliere e a integrare l’imprevisto:

  • Bebop
  • Free Jazz
  • Postpunk
  • Spontaneous Prose
  • Action Painting
  • Informale
  • Happening

Bisogna continuare, non posso continuare, e io continuerò” (Samuel Beckett, L’innominabile, 1953).
Le domande che dobbiamo porci e a cui dobbiamo trovare una risposta in questo momento di transizione sono così importanti da cambiare forse la vita di tutti gli uomini e di tutte le donne, per sempre. È nostro dovere, ora, continuare a pensare… Pensare, pensare dobbiamo. Non dobbiamo mai smettere di pensare: che civiltà è questa in cui ci troviamo a vivere?” (Virginia Woolf, Le tre ghinee, 1938).

Christian Caliandro

LE PUNTATE PRECEDENTI

Fase Tre (I). L’opera e la realtà

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).