Uffizi: si dimette Comitato Scientifico in polemica con Schmidt per Raffaello prestato a Roma

Bufera sulla grande mostra per il cinquecentenario della morte di Raffaello in arrivo alle Scuderie del Quirinale: il comitato scientifico degli Uffizi si è dimesso per il ritratto di Leone X, considerato inamovibile, e prestato dal suo direttore

Le Gallerie degli Uffizi
Le Gallerie degli Uffizi

La grande mostra su Raffaello deve ancora inaugurare ed è già polemica. È, infatti, in programma a partire dal prossimo 5 marzo alle Scuderie del Quirinale un’importante retrospettiva sull’artista urbinate da lasciare a bocca aperta, per il numero e la qualità delle opere, tanto da aver registrato un record di prevendite con oltre 60mila biglietti venduti e con richieste provenienti da tutto il mondo.

Raffaello, Ritratto di Leone X tra i cardinali Giulio de’ Medici e Luigi de’ Rossi, Firenze, Gallerie degli Uffizi, Galleria delle Statue e delle Pitture
Raffaello, Ritratto di Leone X tra i cardinali Giulio de’ Medici e Luigi de’ Rossi, Firenze, Gallerie degli Uffizi, Galleria delle Statue e delle Pitture

LE MOTIVAZIONI DELLE DIMISSIONI

Ma la notizia del giorno è un’altra: il comitato scientifico degli Uffizi – museo prestatore di molti dei lavori esposti a Roma – si è dimesso in blocco per il ritratto di Leone X di Raffaello, considerato inamovibile, e invece dato in prestito dal direttore Eike Schmidt a questa mostra, della quale gli Uffizi sono co-organizzatori, che costituisce l’apice delle celebrazioni mondiali per i 500 anni dalla scomparsa dell’urbinate e rappresenta l’evento di punta del programma approvato dal Comitato Nazionale appositamente istituito dal Ministro Dario Franceschini e presieduto da Antonio Paolucci. “Il Comitato Scientifico delle Gallerie degli Uffizi era impegnato da mesi nella redazione di due liste di opere inamovibili, una per quelle appartenenti al fondo principale dei vari musei delle Gallerie, l’altra per quelle fragili sul piano conservativo”, scrivono i dimissionari Fabrizio MorettiDonata LeviTomaso Montanari e Claudio Pizzorusso in una lettera agli enti che li hanno nominati, Ministero dell’Università e Comune di Firenze, riportata da Repubblica.

LE DICHIARAZIONI

Siamo perfettamente consapevoli della funzione consultiva del Comitato, ma constatiamo che tenerci occupati per mesi nella discussione di liste che rimangono platealmente inapplicate vanifica l’esistenza stessa del Comitato. Pertanto oggi ci troviamo costretti a prendere atto della situazione e dunque a rassegnare le nostre dimissioni”. Schmidt, dal canto suo, rivendica la bontà della sua scelta che imputa a una questione di patriottismo, “la lista degli inamovibili fu stesa in chiara risposta all’articolo 66 comma 2 codice dei beni culturali , che disciplina l’esportazione dei beni artistici fuori dal territorio a nazionale. Roma non solo si trova all’interno dell’Italia, ma ne è la capitale“, e di buone condizioni del dipinto, per giunta reduce da un restauro di tre anni presso l’Opificio delle Pietre Dure (sostenuto da Lottomatica), fatto proprio in previsione delle celebrazioni per il cinquecentenario della morte dell’artista nel 2020 e della mostra: eventi di cui il Comitato Scientifico non poteva essere all’oscuroDimissioni che suonano, quindi, come un pretesto per ottenere qualcos’altro, come dimostra la chiosa finale della lettera dei dimissionari. “Pensiamo che le dimissioni collettive del Comitato del più importante museo italiano renda ineludibile un ripensamento e una ridefinizione del ruolo dei Comitati Scientifici nel governo dei musei autonomi“.

-Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).