When We gather: l’omaggio di 7 artiste nere alla vicepresidente USA Kamala Harris

La performance, ideata dall’artista María Magdalena Campos-Pons è diventata un cortometraggio, si basa sui valori dell’inclusione, dell’unità, della diversità e della solidarietà femminile, per sancire l’inizio di una nuova era in America. Il film è online fino al 15 febbraio 2021.

María Magdalena Campos Pons, When We Gather ph. Tommy Oliver
María Magdalena Campos Pons, When We Gather ph. Tommy Oliver

Anche se sono la prima a ricoprire questa carica, non sarò l’ultima. Ogni bambina, ogni ragazza che stasera ci guarda vede che questo è un paese pieno di possibilità. Penso alle donne, alle donne nere, asiatiche, bianche, ispaniche, native americane, che nel corso della storia dell’America hanno aperto la strada per questo momento”, affermava la vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris – prima donna, di origini asiatiche e africane, ad entrare con questo ruolo alla Casa Bianca – in un toccante discorso avvenuto a novembre 2020, in seguito alla notizia della vittoria delle elezioni. Un momento storico che ha ispirato sette artiste a compiere una performance per omaggiare Kamala Harris e ciò che la sua salita al potere simboleggia: l’avvento di una nuova era per l’America, all’insegna della tolleranza e dell’inclusione sociale. L’opera, a causa delle restrizioni anti Covid, è stata filmata in diverse parti del paese e riunita nel cortometraggio When we gather, visibile gratuitamente online fino al 15 febbraio 2021 a questo link.

WHEN WE GATHER: LA RIVENDICAZIONE FEMMINILE

Kamala Harris ha rivendicato questo momento per le generazioni di donne passate e future”, ha spiegato l’artista afro-cubana María Magdalena Campos-Pons, che ha ideato e guidato la realizzazione dell’intero progetto. “Ha chiamato all’appello tutte noi: madri, nonne, sorelle, zie, ragazze, cis e trans, per festeggiare con lei. When We Gather è quindi la nostra risposta collettiva al suo invito“. When We Gather è un cortometraggio che rende omaggio alle eroine del passato e a tutte coloro che lottano ogni giorno per la tutela dei diritti civili e umani. Alla sua realizzazione hanno partecipato, oltre a Campos-Pons, le artiste Okwui Okpokwasili, LaTasha N. Nevada Diggs, Dell Marie Hamilton, Jana Harper, Lisa E. Harris e Samita Sinha.

WHEN WE GATHER E LA RELIGIONE YORUBA

Il film è stato realizzato in diversi studi separati e all’aperto a Brooklyn, Boston, Nashville e Houston, con la regia di Codie Elaine Oliver, già co-autrice della docu-serie Black LoveWhen We Gather è ispirata ai rituali religiosi yoruba (una cultura che accomuna un vasto gruppo etnico dell’Africa occidentale): le artiste, incarnando i Sette Poteri, si muovono in senso antiorario, legando un tessuto con sette nodi come spirito di unità e solidarietà. La coreografia, attraverso questi movimenti circolari, dà origine a una forza concentrica che simboleggia la transizione dal passato al futuro, e che si ricollega quindi metaforicamente all’insediamento di Kamala Harris nella Casa Bianca e al cambio della presidenza americana.

WHEN WE GATHER: LO SHORT FILM ONLINE

Questa performance offre a tutti noi l’opportunità di prendere parte alla guarigione e all’unione del nostro paese che è stato finora diviso, attraverso un’azione positiva, la forza e l’abilità delle donne, a cominciare dalla vicepresidente“, ha spiegato ancora María Magdalena Campos-Pons. “When We Gather segna un punto di svolta e rappresenta sia un momento di riflessione che un invito a dar vita a un domani migliore“, ha aggiunto Justine Ludwig, direttore esecutivo di Creative Time, l’organizzazione no profit di New York che ha contribuito alla promozione del cortometraggio. “Il lavoro parla del ruolo fondamentale che le donne hanno svolto nel progresso di questa nazione”.

– Giulia Ronchi

https://whenwegather.art/
https://creativetime.org/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.