Graffiti, street food e musica live. A New York Jeffrey Deitch apparecchia un artfestival estivo per Coney Island

Mercante d’arte, curatore all’occorrenza ed ex direttore del MOCA di Los Angeles. È Jeffrey Deitch che torna in scena con in programma un festival estivo di street art per Coney Island, la piccola penisola a sud di Brooklyn conosciuta per le spiagge e il luna park, che ogni anno conta circa 11 milioni di visitatori. […]

Il lungomare di Coney Island

Mercante d’arte, curatore all’occorrenza ed ex direttore del MOCA di Los Angeles. È Jeffrey Deitch che torna in scena con in programma un festival estivo di street art per Coney Island, la piccola penisola a sud di Brooklyn conosciuta per le spiagge e il luna park, che ogni anno conta circa 11 milioni di visitatori.
Dopo la mostra Art in the Streets allestita al MOCA nel 2011, Jeffrey Deitch torna alla street art e convoca per l’occasione leggende della scena artistica underground newyorkese degli anni Ottanta come Lady Pink, Daze e Lee Quiñones, assieme a writer di oggi, tra cui spiccano Swoon, Mister Cartoon, JR e Sheryo. A loro il compito di realizzare 25 graffiti su muri temporanei fronte mare, tra maggio e settembre.
Coney Art Walls si preannuncia come un mix esplosivo di arte contemporanea, street food e musica live: si vocifera il nome di Miley Cyrus che proprio Deitch ha lanciato come artista visiva ad Art Basel Miami, lo scorso anno. Sul lungomare, sarà allestito inoltre un villaggio estivo pop-up con camioncini del cibo targati Smorgasburg, la versione itinerante del Brooklyn Flea Market.
La kermesse di Jeffrey Deitch è organizzata in collaborazione con Joseph J. Sitt, fondatore e CEO dell’agenzia immobiliare Thor Equities che, negli ultimi anni, ha ridisegnato il waterfront della zona e a cui appartiene il sito su cui si svolgerà il festival.

Marta Pettinau

CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.