Lo Strillone: l’estetica ai tempi di Berlusconi secondo Luca Beatrice su Il Giornale. E poi la beffa della Barcaccia, centri storici in Sicilia, Museo del mare

Esiste un’estetica berlusconiana? Ne è convinto Luca Beatrice, che a questo dedica il libro Nati sotto il Biscione, sottotitolo: L’arte ai tempi di Silvio Berlusconi, in libreria da giovedì per Rizzoli. E Il Giornale ne approfitta per anticipare il Prologo dell’opera del suo collaboratore: “fra politica, sociologia e arte, il libro dimostra come il Cavaliere […]

Quotidiani
Quotidiani

Esiste un’estetica berlusconiana? Ne è convinto Luca Beatrice, che a questo dedica il libro Nati sotto il Biscione, sottotitolo: L’arte ai tempi di Silvio Berlusconi, in libreria da giovedì per Rizzoli. E Il Giornale ne approfitta per anticipare il Prologo dell’opera del suo collaboratore: “fra politica, sociologia e arte, il libro dimostra come il Cavaliere sia diventato oggetto di rappresentazione e riflessione nell’arte contemporanea, in particolare nell’opera di arti-star internazionali come Maurizio Cattelan, Vanessa Beecroft e Francesco Vezzoli”. La beffa dei barbari dall’Olanda: no ai risarcimenti. Il Messaggero aggiorna sugli sviluppi dell’assalto dei tifosi olandesi del Feyenoord alla Barcaccia di Piazza di Spagna: “Il Senato olandese, con una mozione, aveva invitato il governo a dare un contributo per il restauro della fontana. Quel voto però non è considerato ‘vincolante’ dal governo, che ha deciso di non versare un centesimo al Comune di Roma”.

No alla legge che fa scempio dei centri storici“. Sicilia in subbuglio: oggi l’assemblea regionale la legge già ribattezzata “rottama centri storici”. “Se l’approverà così com’è, permetterà di abbattere e ricostruire nel cuore delle città, da Ibla a Ragusa, da Ortigia a Siracusa, da Catania a Palermo”, scrive La Repubblica. “I deputati regionali che l’hanno sponsorizzata – dal Pd al Nuovo centrodestra – la definiscono una ‘rivoluzione che sburocratizza gli interventi nei centri storici finora ancorati a farraginosi piani particolareggiati’”. Genova fa scuola, anche in Oman: Italia Oggi racconta di come il Sultanato voglia realizzare un Museo del Mare simile al Galata del capoluogo ligure.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.