Renzo Piano a Malta. Dalla antiche mura al nuovo Parlamento di La Valletta, ripensando l’accesso alla città. Se ne parla al  Marmomacc di Verona

Si chiama “Valletta City Gate” il progetto a cui dal 2008 lavora lo Studio Renzo Piano Building Workshop, per ripensare l’accesso al centro storico della capitale maltese. Un complesso costituito dagli edifici del nuovo Parlamento maltese, dal recupero delle rovine dell’adiacente Opera House e della nuova porta di La Valletta, detta “la città fortezza”. Zona […]

Renzo Piano - Malta, Opera House

Si chiama “Valletta City Gate” il progetto a cui dal 2008 lavora lo Studio Renzo Piano Building Workshop, per ripensare l’accesso al centro storico della capitale maltese. Un complesso costituito dagli edifici del nuovo Parlamento maltese, dal recupero delle rovine dell’adiacente Opera House e della nuova porta di La Valletta, detta “la città fortezza”. Zona di grande prestigio e rilevanza storica, già tutelata dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità, collocata a ridosso delle mura cinquecentesche che circondavano il centro storico. Un sito innanzitutto da proteggere, dunque, ma che necessitava anche di un intervento generale di risistemazione architettonica e urbanistica, mettendo in dialogo gli edifici antichi, quelli contemporanei e l’area che funge da ingresso cittadino.

Renzo Piano - Malta, dettaglio facciata Parlamento
Renzo Piano – Malta, dettaglio facciata Parlamento

Limite sempre delicato, quello che unisce e divide tradizione e innovazione, conservazione e sviluppo, appeal storico e seduzione contemporanea: il limite su cui il team di Piano ha ragionato, cercando soluzioni armoniche e originali. Tra gli accorgimenti principali l’uso della pietra locale, presente sia nel corpo possente delle mura che nelle antiche dimore. La pietra è stata così utilizzata anche per le facciate del nuovo Parlamento, con una classica funzione di protezione e una, più avanguardistica, riservata allo sviluppo energetico, al controllo climatico e alla modulazione della luce. Un approccio intelligente, che coniuga esigenze di integrazione estetica e alti contenuti tecnologici, grazie anche al lavoro della ditta CFF Filiberti, che ha curato l’ingegnerizzazione delle facciate e la realizzazione dei singoli elementi lapidei. Nei giorni di Marmomacc, Mostra Internazionale di Pietre Design, fiera leader per il settore marmo (Verona, 24-27 settembre 2014), il progetto maltese sarà raccontato all’interno del Padiglione Uno, con una mostra dedicata alla storia del progetto e al suo processo ideativo e realizzativo, con foto, disegni e reperti. Una tavola rotonda, infine, porterà fin dentro le dinamiche architettoniche di “Valletta City Gate”, grazie agli interventi dei progettisti e dei consulenti dello Studio RPBW, oltre agli esperti di CFF Filiberti. www.marmomacc.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.