Riuscirà Renzo Piano a sfilare alla regina Zaha Hadid lo Stirling Prize 2014? Il suo Shard è nella shortlist contro l’Aquatic Centre: ma fra i due litiganti…

In attesa dei verdetti e delle premiazioni del 16 ottobre prossimo, il RIBA – Royal Institute of British Architects – annuncia i sei candidati shortlisted per lo Stirling Prize, concorso annuale di architettura dedicato a James Stirling (1926-1992), attivo dal 1996 e organizzato dall’associazione britannica, i cui vincitori ricevono, oltre che un importante riconoscimento internazionale, […]

In attesa dei verdetti e delle premiazioni del 16 ottobre prossimo, il RIBA – Royal Institute of British Architects – annuncia i sei candidati shortlisted per lo Stirling Prize, concorso annuale di architettura dedicato a James Stirling (1926-1992), attivo dal 1996 e organizzato dall’associazione britannica, i cui vincitori ricevono, oltre che un importante riconoscimento internazionale, un premio in denaro di 20mila sterline. Lo Stirling Prize è assegnato “a colui che ha realizzato l’edificio che ha dato il più grande contributo all’architettura britannica nell’ultimo anno”.
A giocarsela quest’anno, col coltello fra i denti, ci sono l’Everyman Theatre (Liverpool) firmato Haworth Tompkins, la Library of Birmingham (Birmingham) dei Mecanoo, il London Aquatics Centre firmato Zaha Hadid Architects, lo Shard (Londra) firmato Renzo Piano Building Workshop – unico rappresentante italiano in gara, con il progetto più discusso di tutti -, la London School of Economics/ Saw Swee Hock Student Centre di O’Donnell + Tuomey Architects e la Manchester School of Art firmata da Feilden Clegg Bradley Studios.
Secondo i rumors più affermati a battersela sul filo del rasoio ci sarebbero le due archistar, Renzo Piano e Zaha Hadid, anche se la qualità degli altri progetti selezionati è piuttosto alta e forse, per una volta, a vincere si meriterebbe di essere una firma forse meno nota, ma anche più inglese. I progetti saranno giudicati in termini di eccellenza del design e per il loro contributo all’evoluzione dell’ambiente costruito. Il tema comune dei finalisti sembrano essere le strutture di trasformazione pubblica, intrinsecamente legate alle loro rispettive comunità.
I giudici, che visiteranno i sei edifici e dovranno selezionare il vincitore sono Spencer De Grey – presidente (Foster and Partners), MJ long (long and kentish architects), Cindy Walters (walters and cohen), Stephen Kieran (kieran timberlake) e Sir Timothy Sainsbury. Alla giuria l’ardua sentenza.

– Giulia Mura

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.
  • pinoBarillà

    Io darei il premio a Sheila O’Donnel John Tuomey.