L’isola che non c’è di Minsuk Cho. L’architetto sudcoreano (e koolhaasiano) inaugura a Perugia il festival Festarch 2012

Apre i battenti a Perugia con la lectio magistralis dell’architetto Minsuk Cho, l’edizione di Festarch 2012. In un gremito teatro Morlacchi il sudcoreano illustra i suoi progetti ma anche il contesto sociale, soprattutto coreano, in cui negli ultimi anni ha operato e che sta vivendo, in periodi di recessione europea e statunitense, una grande espansione […]

Minsuk Cho - La sede Daum (foto Kyungsub Shin)

Apre i battenti a Perugia con la lectio magistralis dell’architetto Minsuk Cho, l’edizione di Festarch 2012. In un gremito teatro Morlacchi il sudcoreano illustra i suoi progetti ma anche il contesto sociale, soprattutto coreano, in cui negli ultimi anni ha operato e che sta vivendo, in periodi di recessione europea e statunitense, una grande espansione commerciale ma soprattutto immobiliare. L’architetto, classe ’66, lavora oggi per Rem Koolhaas, dopo una laurea nella coreana Yonsei University e un master alla Columbia. Nel ’98 fonda a New York il suo primo studio con James Slade per poi decidere di tornare in Corea, dove nel 2003 fonda Mass Studies. È suo il padiglione della Corea all’Expo di Shangai del 2010, mentre le opere Dalki Theme Park e Different but Same Houses sono state esposte alla Biennale di Venezia del 2010.
Ultimo, in ordine di tempo, è il progetto per la nuova sede della società coreana di Information Technology Daum, ad oggi il secondo motore di ricerca più utilizzato in Corea, dopo il gigante Naver ma prima di Google e Yahoo che, si sa, in Oriente non hanno grande successo. Il nuovo headquarter racchiude una comunità creativa di lavoro, lontano dalla densissima Seul, su di un’isola autonoma nella costa meridionale della penisola coreana. Un edificio quasi rurale ma altamente tecnologico, introverso in cui, come un antro o una grotta, si può trovare rifugio. Ma anche un esperimento sociologico, la creazione di una comunità dal nulla, perfettamente autonoma e funzionante. Tanto che, ad oggi, si registrano già tre matrimoni tra i dipendenti. Con grande soddisfazione da parte di Minsuk Cho…

– Zaira Magliozzi

Un momento della conferenza

 

CONDIVIDI
Zaira Magliozzi
Architetto, architecture editor e critico. Dalla sua nascita, fino a Marzo 2015, è stata responsabile della sezione Architettura di Artribune. Managing editor del magazine di design e architettura Livingroome. Corrispondente italiana per la rivista europea di architettura A10. Dal 2006 cura la rubrica “Corrispondenze” nella rivista presS/Tletter. Pr e project manager di progetti dedicati alla comunicazione del design e dell’architettura per l’agenzia di comunicazione SignDesign. Ha scritto per The Architectural Review, L’Arca, Il Giornale dell’Architettura, Il Gambero Rosso, Compasses, Ulisse e Quaderno di Comunicazione. Membro del Consiglio direttivo di IN/ARCH Lazio. Dal 2009 fa parte del laboratorio presS/Tfactory, legato all’AIAC - Associazione Italiana di Architettura e Critica - per l’organizzazione di eventi, workshop, concorsi, corsi, mostre e altre iniziative culturali legate al mondo dell’architettura.