Nove anni dopo Fantastic Mr. Fox, Wes Anderson torna al cinema d’animazione con una pellicola che si preannuncia spettacolare. Il film è stato realizzato in stop-motion e può vantare un “cast vocale” composto da grandissimi attori come Bill Murray, Bryan Cranston, Scarlett Johansson, Edward Norton, Frances McDormand e Jeff Goldblum.
Isle of Dogs, che uscirà nei cinema a marzo 2018, è ambientato in un Giappone cupo e distopico e racconta la storia del dodicenne Atari Kobayashi, impegnato in una missione di salvataggio del suo cane Spots. Per raggiungere l’obiettivo, il ragazzino deve andare su un’isola-discarica dove sono stati deportati tutti i cani della prefettura di Megasaki City. Anderson, che torna in azione dopo il grandissimo successo di Grand Budapest Hotel, vincitore nel 2014 di ben quattro premi Oscar, ha così commentato il progetto: “il film prende ispirazione più dall’opera di Akira Kurosawa che dagli altri film in stop-motion.”

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.