Apre Domino Park. Le immagini dal Ponte di Willamsburg

Ha aperto da poche settimane ed è già un successo il DominoPark, all’ombra dell’ex raffineria di zucchero nel quartiere di Williamsburg. Le immagini

Ha aperto da poche settimane, ma è già frequentatissimo dalle varie community che vivono ai piedi del Ponte di Williamsburg: ebrei ortodossi, dominicani, portoricani, afroamericani si ritrovano dalla mattina alla sera a passeggiare all’ombra della Domino Sugar Factory, l’ex raffineria della seconda metà del XIX secolo, per anni a rischio abbattimento (mai toccata né riqualificata) circondata da un enorme parco. Si guarda il tramonto, si gioca coi bambini, si chiacchiera con le amiche, si mangia un gelato o un taco da Tacocina, il ristorante di Danny Meyer. Creato con un accordo tra i costruttori privati sul waterfront e la città, finanziato interamente dai mega-developers di Two Trees Management, lo spazio è aperto a tutti anche se si presenta come il giardino sottocasa dei complessi abitativi che sorgono alle sue spalle. Lo spazio è stato (ri)creato dallo studio James Corner Field Operations nell’area in disuso dell’ex raffineria di zucchero Domino. Due ettari e mezzo di verde fronte mare completamente abbandonato, che ora rinasce grazie al gruppo di project design, trasformandosi in un’oasi naturale con area per prendere il sole, un parco giochi e la nuova creatura di Meyer. Domino fa parte di un gruppo di nuovi parchi che nascono proprio per bilanciare le esigenze aggressive del real estate con le richieste del pubblico. Per ora, a giudicare dalle folle, il risultato è strepitoso. Ecco le immagini.

– Francesca Magnani

Domino River Park
15 River Street
6 am – 1 am

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Magnani
Francesca Magnani scrive e fotografa a New York dal 1997. Dopo una laurea in Latino a Bologna e un corso di perfezionamento in Antropologia a Padova, è arrivata alla CUNY con una borsa Fulbright in Letteratura Comparata. Nella Big Apple ha passato svariate stagioni a stampare e lavorare nelle darkroom dell’ICP e al Print Space. Tra NYU e The New School, in quasi vent’anni ha insegnato italiano a mezza Downtown. Le sue storie e fotografie sono uscite su D Repubblica, Diario, MarieClaire, F, Natural Style, TimeOut NY, IL, Vogue, Flair, Yoga Journal, Here is New York. A Democracy of Pictures, E.L. Doctorow, All the Time in the World, Taschen - Trespass: A History of Uncommissioned Urban Art.