La consistenza dei sogni. Alessandro Roma in mostra a Londra

L’artista italiano porta a Londra il suo repertorio di paesaggi interiori e immagini oniriche, fruibili fino a gennaio presso la galleria Yamamoto Keiko Rochaix. In mostra dipinti, ceramiche, tessuti e bassorilievi che ripercorrono, attraverso l’utilizzo di svariate tecniche e materiali, il processo creativo di Roma

Immagini evanescenti, oniriche evocazioni e citazioni letterarie trovano una loro dimensione materica nelle opere di Alessandro Roma (Milano, 1977), artista attualmente impegnato in una “sognante” personale presso la galleria Yamamoto Keiko Rochaix di Londra. A Vivid Dream can dreaming save us? è il titolo della mostra curata da Marina Dacci che, attraverso tele, vasi in ceramica, sete stampate, collage e bassorilievi in bronzo e in gesso, ricostruisce i caleidoscopici paesaggi interiori dell’artista. Un divenire di colori squillanti, texture e superfici richiama esperienze sensoriali e sinestetiche che restituiscono la percezione di dimensioni altre, reali ma anche impalpabili, dove l’artista decide volutamente di perdersi per poi ritrovarsi. Roma invita lo spettatore a immergersi nel suo universo immaginario e allo stesso tempo tangibile, un’apparente contraddizione in termini che però trova la sua naturale e logica risoluzione nel mondo dei sogni e nella creazione artistica.

– Desirée Maida
Londra // Fino al 7 dicembre 2017
Alessandro Roma // A Vivid Dream can dreaming save us?
A cura di Marina Dacci
Yamamoto Keiko Rochaix
http://yamamotokeiko.com

CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Vive a Palermo, dove collabora con gallerie d’arte, scrive per testate d’arte contemporanea e lavora come storico dell’arte e curatore.