Il canto del deserto di Sandra Vásquez de la Horra. A Milano

Prometeogallery, Milano – fino al 12 marzo 2016. Prima personale in Italia dell'artista cilena Sandra Vásquez de la Horra. Tra sogni, visioni, tradizioni e cultura surrealista latino-americana.

Print pagePDF pageEmail page

Il deserto è una vasta distesa di terra desolante, ostile al nascere e al propagarsi della vita. Eppure é proprio per questa sua condizione di miseria che il deserto ha sempre rappresentato nella storia dell’umanità un insieme eterogeneo di sensazioni e sentimenti. Disorientamento, mortificazione, esaurimento, iniziazione, redenzione e purificazione, tutte situazioni che possono scaturire dalla terra arida dei deserti, in cui la vita sporadica risalta come una rara e preziosa presenza, come la fiamma di una candela che emerge immediatamente nella notte e rimane invisibile alla luce del sole.
Le insolite piogge torrenziali che hanno colpito recentemente il deserto di Atacama sono fonte di ispirazione per l’arte di Sandra Vásquez de la Horra (Viña del Mar, 1967), in cui la grafite dei suoi disegni viene cristallizzata dalla cera d’api.  Il mondo onirico dell’artista si fonde con miti e leggende che volteggiano tra l’America e l’Africa, continuando la tradizione surrealista presente in tanta arte dell’America Latina. Il deserto diviene il luogo dove l’artista può appagare la sua sete spirituale e dove le rose possono sbocciare sul profilo esile di un corpo che resiste alle intemperie della desolazione.

Mattia Andres Lombardo

Milano// fino al 12 marzo 2016
Sandra Vásquez de la Horra – El Canto del desierto
PROMETEO GALLERY
Via Ventura 3
02 26924450
[email protected]
www.prometeogallery.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/51044/sandra-vasquez-de-la-horra-el-canto-del-desierto/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community