Turismo di prossimità. In Piemonte Terre Borromeo sviluppa tour nelle isole del Lago Maggiore

Il brand che in Piemonte identifica i siti culturali e naturali anticamente legati alla famiglia Borromeo propone esperienze di carattere culturale, artistico, naturalistico e sportivo. Ecco le offerte delle isole del Lago Maggiore

In questa estate all’insegna della pandemia e delle normative anti-contagio, abbiamo visto come la Toscana punti su un turismo di prossimità, valorizzando iniziative artistiche e culturali del proprio territorio. Lo stesso si può dire del Piemonte, coi suoi tanti siti museali affacciati sul Lago Maggiore che invogliano ad un tour capace di unire l’immersione nella natura di paesaggi incantevoli alla visita di mostre storiche e di arte contemporanea. A sovrintendere il tutto c’è Terre Borromeo, il brand che identifica i siti culturali e naturali anticamente legati alla famiglia Borromeo e che si avvale per la gestione degli stessi dell’azienda SAG Srl, società fondata nel giugno 1983 per incrementare e sviluppare il turismo nella zona del Lago Maggiore e trasformarla in una meta esclusiva e di rilievo. Oggi il circuito turistico comprende Isola Bella e Isola Madre nell’arcipelago delle Isole Borromee; Parco Pallavicino a Stresa; Parco del Mottarone con i suoi 500 ettari di area boschiva lungo le pendici dell’omonima montagna; Rocca di Angera, sul versante lombardo in provincia di Varese, e Castelli di Cannero, situati nell’alto Verbano e oggi in fase di restauro con una previsione di apertura al pubblico entro i prossimi tre anni. Vediamo nel dettaglio cosa offre ciascuna isola in questo periodo…

– Claudia Giraud

1. ISOLA BELLA

Isola Bella, ph Markus Bernet, fonte Wikipedia

Prosegue fino all’1 novembre la grande mostra che l’Isola Bella dedica al suo ideatore, Vitaliano VI, a 400 anni dalla sua nascita e nell’anno del Barocco Piemontese. Allestiti nel grande salone di Palazzo Borromeo, ritratti in pittura e in scultura, medaglie e documenti che testimoniano le fasi principali della vita di Vitaliano VI oltre ad alcune opere mai esposte al pubblico. Anche nelle sale del percorso museale si potranno individuare i mobili e i quadri originali che si trovano ancora oggi dove li volle il nobile milanese. Le novità all’Isola Bella non si esauriscono con la parte culturale: nell’antico borgo dei pescatori, il Vicolo del Fornello rinnova alcune delle sue vetrine monomarca per poter acquistare oggetti di design, gioielli, profumi, abbigliamento. Per chi predilige acquisti culturali, il bookshop all’interno di Palazzo Borromeo propone libri, oggettistica, souvenir e golosità tipiche piemontesi.

https://booking.isoleborromee.it/it/product/7/detail

 

2. ISOLA MADRE

Isola Madre, ph Civvi, fonte Wikipedia

L’Isola Madre è nota per le splendide fioriture, le specie esotiche, i profumi e le piante rare. Accanto alla fontana delle ninfee e alla Cappella di S. Vittore, si trovano la Caffetteria e il bookshop completamente rinnovati. Gli spazi sono stati ampliati con i vecchi locali delle serre, preservando lo stile e i materiali, come il pavimento in cotto completamente recuperato.

https://booking.isoleborromee.it/it/product/6/detail

 

3. ROCCA DI ANGERA

Ai Weiwei, Feiyu, 2015 e Carlos Garaicoa Jardín (De la serie La ciudad vista desde la mesa de casa), 1998 © courtesy the artist and Galleria Continua Ph. Andrea Rossetti

Spostandoci sul versante lombardo del Lago Maggiore, la proprietà della Rocca di Angera rinnova l’appuntamento con l’arte. Nell’ambito del progetto artistico promosso dai Principi Vitaliano e Marina Borromeo, gli spazi restaurati dell’Ala Scaligera all’interno del castello angerese ospiteranno fino al 27 settembre 2020 la terza edizione della mostra di arte contemporanea, dal titolo Fantastic Utopias. Il percorso espositivo, a cura di Ilaria Bonacossa e in collaborazione con Galleria Continua, è costituito da opere e installazioni di 15 artisti di fama internazionale, tra i quali Antony Gormley, Michelangelo Pistoletto, Kiki Smith, Ai Weiwei. La mostra nasce dal presupposto che nel nostro mondo post-reale, in cui conflitti, crisi politiche e ambientali sembrano susseguirsi senza sosta, il fantastico e la sua rappresentazione sono tornati al centro delle riflessioni contemporanee. Tra le novità della Rocca, i visitatori potranno accedere liberamente fino alla Caffetteria dove sarà possibile acquistare il biglietto di ingresso per poi iniziare il percorso di visita del giardino medievale, del Castello e godere del suggestivo panorama sull’estremità meridionale del Lago Maggiore.

https://booking.isoleborromee.it/it/product/13/detail

 

4. PARCO PALLAVICINO

Parco della Villa Pallavicino, ph Riessdo, fonte Wikimedia

Nell’oasi naturale del Parco Pallavicino, sul lungolago di Stresa, è possibile passeggiare tra i viali alberati e il giardino dei fiori immergendosi tra i colori della natura. 50 specie tra mammiferi e volatili sono il punto forte di questo luogo che ospita anche una Fattoria, dove pascolano liberamente daini, caprette, lama, alpaca e pecore.

https://booking.isoleborromee.it/it/product/14/detail

 

5. PARCO DEL MOTTARONE

ALPYLAND MOTTARONE_ _panoramio ph mitch81, fonte Wikimedia

Il Parco del Mottarone, con l’omonima cima che svetta tra i laghi Maggiore e d’Orta, tra la provincia di Verbania e di Novara, è diventato meta prediletta di famiglie con bambini, sportivi e amanti delle attività outdoor da quando c’è il Mottarone Adventure Park. Inaugurato lo scorso anno con lo scopo di valorizzare la zona boschiva raggiungibile da Milano a una sola ora di macchina, il parco avventura è dotato di quattro percorsi con differenti livelli di difficoltà, adatti anche ai più piccoli a partire dai 3 anni. L’ideale per trascorrere una giornata emozionante, in totale sicurezza grazie al sistema di linea vita continua.

https://www.mottarone.it/ 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).