Ai Weiwei in attesa della mostra di Firenze espone i suoi migranti ad Amsterdam: ecco le immagini

Il grande artista cinese ha ormai indirizzato la sua ricerca esclusivamente sul dramma dei profughi in tutto il globo. Che riflette la sua esperienza personale: ma rischia di relativizzarla

Ai Weiwei, #SafePassage (foto Foam Museum)
Ai Weiwei, #SafePassage (foto Foam Museum)

Qualcuno ha parlato – anche noi di Artribune – di un certo rischio di “sovraesposizione” per Ai Weiwei, che se prima che gli fosse restituito dalle autorità cinesi il passaporto monopolizzava le cronache per le sue (reali, spesso agghiaccianti) vicende umane, da quando ha ricominciato a imperversare per il globo si rende protagonista di un profluvio di mostre, installazioni, progetti comunicativi vari che probabilmente non ha precedenti. L’ultima riprova l’abbiamo sotto gli occhi, proprio in Italia: mentre infatti fervono i preparativi per la grande mostra che a giorni inaugurerà a FirenzePalazzo Strozzi, con la monumentale installazione sulla facciata che già ha fatto molto discutere e fibrillare i social, l’artista inaugura in Olanda un altro progetto espositivo di ampio respiro, ancora incentrato sulle tematiche dei rifugiati, ormai la sua cifra.

INCONTRI PERSONALI CON GLI OSPITI DEI CAMPI PROFUGHI
Si intitola Ai Weiwei – #SafePassage, e al Foam Fotografiemuseum di Amsterdam presenta fino al 7 dicembre 2016, una serie di documenti sulla sua personale storia di “rifugiato”, e alcune migliaia di foto che lui stesso – assieme alla sua squadra di collaboratori – ha scattato con il suo telefono cellulare, nei suoi viaggi sull’isola greca di Lesbo e in campi profughi in tutto il Mediterraneo, compresi quelli di Siria, Turchia, Italia, Israele e Francia. Realizzando quello che viene presentato come “un immenso collage che riflette sugli incontri personali dell’artista con gli ospiti dei campi profughi, sottolineando ulteriormente la portata di questa crisi”. La domanda che molti si pongono è: non si rischia di relativizzare il drammatico problema, con tutta questa messe di progetti, alcuni peraltro di dubbia qualità? Noi invitiamo alla riflessione con alcune delle foto esposte in Olanda…

– Massimo Mattioli

16 settembre – 7 dicembre 2016
Ai Weiwei – #SafePassage
Foam Fotografiemuseum
Keizersgracht 609 – Amsterdam
www.foam.org

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.