Lo Strillone: Gian Antonio Stella sul progetto veneziano by Pierre Cardin sul Corriere della Sera. E poi Aligi Sassu, Edward Hopper a Madrid, Celant e i costruttivisti…

Luca Beatrice a tutta pagina su Il Giornale: dalla A di Arruzzo alla V di Vanni (Cuoghi) per gli ospiti di POPism, rassegna ultra-contemporanea che la Fondazione Michetti ha messo in piedi, in questi giorni, a Francavilla al Mare. L’installazione di Gregorio Botta al Macro, ma soprattutto – in prima – l’inchiesta di Gian Antonio […]

Quotidiani
Quotidiani

Luca Beatrice a tutta pagina su Il Giornale: dalla A di Arruzzo alla V di Vanni (Cuoghi) per gli ospiti di POPism, rassegna ultra-contemporanea che la Fondazione Michetti ha messo in piedi, in questi giorni, a Francavilla al Mare. L’installazione di Gregorio Botta al Macro, ma soprattutto – in prima – l’inchiesta di Gian Antonio Stella sul progetto veneziano firmato Pierre Cardin: Corriere della Sera racconta delle possibili maxi-torri che possono rilanciare (per qualcuno deturpare) Marghera e lo skyline della laguna.

Arte sacra a Rieti, con focus sull’iconografia di San Francesco, per Avvenire, che ricorda le mostre per il centenario dalla nascita di Aligi Sassu. Lamberto Pignotti, in mostra a Parma, si racconta a Quotidiano Nazionale;  Alessio Boni, su La Stampa, veste i panni di Michelangelo e ne legge i sonetti. L’Unità: Edward Hopper a Madrid, ma soprattutto le considerazioni di Barilli sulla mostra che il Macro dedica all’arte… al neon!

Il direttore Chris Dercon racconta la “nuova” Tate Modern a Sette; non solo Codex: Luigi Serafini si confida a Il Venerdì, tra arte e anti-berlusconismo. Alvaro Siza intervistato su Panorama; Fuksas contro il degrado alla stazione Tiburtina, Celant e i costruttivisti nel menù de L’Espresso.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.