“La storia del Bauhaus, per come la conosciamo, non è corretta. Se vi integriamo anche le donne, il quadro che si delinea è molto più completo e interessante”. Ad affermarlo è la storica dell’arte Elisabeth Otto, autrice del saggio Haunted Bauhaus. Occult spirituality, gender fluidity, queer identities and radical politics ed esperta invitata dalla regista Susanne Radelhof a prendere parte al documentario Bauhausfrauen.

IL GENDER GAP NELL’ESPERIENZA BAUHAUS

Uscito in concomitanza con il centenario della fondazione della scuola tedesca, il film tratteggia i ritratti di cinque protagoniste di quella storica esperienza. Ostinate, qualificate, autentiche pioniere nei rispettivi ambiti, Alma Buscher, Marianne Brandt, Gunta Stölzl, Friedl Dicker e a Lucia Moholy hanno legato il proprio percorso formativo e professionale al Bauhaus, finendo per lottare – a vario titolo – per il pieno riconoscimento delle loro opere. Fra occasioni mancate, promesse infrante e coraggiosi tentativi di ribaltare le convenzioni sociali interne alla scuola, le loro biografie rivelano i limiti dell’istituzione fondata da Gropius sul fronte dell’uguaglianza dei diritti. In programmazione a Lo schermo dell’arte 2021, il festival di cinema e arte contemporanea diretto da Silvia Lucchesi, Bauhausfrauen è disponibile fino al 21 novembre on demand su Più Compagnia (in collaborazione con MYMOVIES).

I VINCITORI DELLA DECIMA EDIZIONE DI VISIO

Caratterizzata dal formato ibrido e dal ritorno a Firenze dell’artista iraniana Shirin Neshat, la 14a edizione del festival è stata affiancata, per il decimo anno, dal focus sulle nuove generazioni VISIO. European Programme on Artists’ Moving Images, a cura di Leonardo Bigazzi. La collettiva Thinking Beyond – Moving Images for a Post-Pandemic World, fino al 12 dicembre alla Manifattura Tabacchi, raccoglie i lavori degli artisti under 35 selezionati per il 2021 nell’ambito del progetto: Eoghan Ryan, Thuy-Han Nguyen-Chi, Alexandre Erre, Chongyan Liu, Philth Haus, Eleonora Luccarini, Janaina Wagner, Nelson Bourrec Carter, VEGA e Roman Khimei & Yarema Malashchuk, autori di Dedicated to the youth of the world II. Proprio quest’opera si è aggiudicata il VISIO Young Talent Acquisition Award ed è stata acquisita dalla Seven Gravity Collection, la collezione privata italiana interamente dedicata alle opere video di artisti contemporanei. “Ci ha profondamente colpiti per i suoi ricordi evocativi di un passato di speranze, desideri, illusioni, uniti alla crudezza del risveglio dalla trance di una pista da ballo, e per il suo ritratto metaforico del mondo pandemico e dell’uscita dal suo tunnel”, hanno affermato i giurati nella motivazione del riconoscimento.

Evento correlato
Nome eventoLo Schermo dell'Arte 2021
Vernissage10/11/2021
Duratadal 10/11/2021 al 14/11/2021
Genericinema, festival
Spazio espositivoCINEMA LA COMPAGNIA
IndirizzoVia Camillo Cavour, 50/R, 50121 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.