Shirin Neshat (1957) è conosciuta in tutto il mondo per le sue fotografie e i suoi video, un vasto corpus di opere incentrate su temi cruciali come l’identità, il genere e il rapporto con la propria tradizione culturale e religiosa. In questo video, pubblicato dalla Tate di Londra, l’artista racconta episodi della propria infanzia e giovinezza, sottolineandone l’importanza cruciale nel determinare le proprie modalità espressive e la scelta dei temi da affrontare nei lavori.
Nel 1974, a soli 17 anni, Neshat lasciò l’Iran per andare a studiare arte in California, ma durante la sua assenza la rivoluzione cambiò radicalmente il volto del suo paese di origine, trasformandolo in una repubblica islamica: “sono riuscita a rivedere con la mia famiglia solo dopo 11 anni. E mi sono trovata con questa ossessione per il ricongiungimento; fare arte diventò un modo per mantenere un legame con il mio Paese”.

Dati correlati
AutoreShirin Neshat
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.