Da un po’ si vociferava di una serie d’animazione scritta e diretta da Zerocalcare per Netflix e finalmente, giusto qualche giorno prima di Natale, arriva il teaser: la produzione si intitola Strappare lungo i bordi ed è in corso di lavorazione. Prodotta da Movimenti Production in collaborazione con BAO Publishing, Strappare lungo i bordi sarà ambientata nell’ormai noto universo narrativo dell’autore, dove non mancheranno personaggi cult come Secco, Sarah, l’Amico Cinghiale e l’iconico Armadillo, la cui voce sarà di Valerio Mastandrea.

DAL DISEGNO ALLA REGIA

Il 2020 per Zerocalcare è stato un anno di successo: le sue pubblicazioni – Scheletri e A Babbo morto – sono andate benissimo e questo debutto ufficiale alla regia di una serie tv è veramente un regalo per il suo pubblico. È vero che di filmati animati ne ha già fatti e parecchi, ma questo è da considerarsi un vero passo avanti anche per l’animazione italiana che può diventare così popolare, nel senso letterale del termine. “Era tanto tempo che giravo attorno all’animazione, anche divertendomi molto a sperimentare, facendo tutto da solo”, spiega Zerocalcare, al secolo Michele Rech, “al tempo stesso mi sarebbe piaciuto alzare l’asticella, sfruttare di più il mezzo video in termini di regia, di movimento, mantenendo però il mio linguaggio e i miei temi e continuando ad avere il controllo totale sulla storia. In questo senso Netflix mi ha messo in condizione di lavorare in un modo che tiene insieme tutti i piani: libertà assoluta nei contenuti e nei linguaggi, possibilità di collaborare con persone più capaci di me, per raccontare una storia su una piattaforma accessibile ormai praticamente a tutti. Speriamo che tempo che esce la serie il mondo esista ancora più o meno come lo conosciamo.”

– Margherita Bordino

Dati correlati
Autore Zerocalcare
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.