Si è svolta lo scorso 31 ottobre nelle sale del Museo di Palazzo Altemps di Roma (nell’ambito delle attività collaterali alla Quadriennale d’Arte 2020) la performance My heart is a poised cithara (Il mio cuore è una cetra sospesa) del duo artistico Prinz Gholam, vincitori del Premio Roma Villa Massimo 2020/21. L’opera, ideata in collaborazione con l’Accademia Tedesca Roma Villa Massimo, fa parte di Hidden Histories, il progetto triennale curato da Sara Alberani e Valerio Del Baglivo pensato appositamente per la città di Roma, con una serie di appuntamenti site-specific tra cui performance, laboratori, talk, esplorazioni urbane, creati per riflettere sulla storia socio-politica di determinati luoghi della città. Nato durante la prima fase del lockdown 2020, il progetto ha l’ambizione di coinvolgere la ricerca artistica in un percorso d’indagine sulla necessità di riappropriazione dello spazio pubblico e sul bisogno di tornare ad incontrarsi fisicamente, attraverso i nostri corpi.

IL PROSSIMO APPUNTAMENTO DI HIDDEN HISTORIES

Il calendario di Hidden Histories prosegue martedì 15 dicembre, con la videointervista all’artista Daniela Ortiz e al collettivo Stalker, disponibile online dalle 12:30 sui sito piazzadispagna.es e su Facebook alla pagina Locales. In occasione della sospensione delle attività culturali imposta dall’emergenza sanitaria, l’intervista propone un approfondimento sulle pratiche artistiche in rapporto allo spazio pubblico, in particolare al permanere di simboli, architetture e storie che riguardano il passato coloniale e imperialista all’interno di molti contesti urbani.

www.localesproject.org

Dati correlati
AutorePrinz Gholam
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.