Non Plus Ultra, esposta per la prima volta al MACRO di Roma nel 2018, è un’installazione serigrafica percorribile concepita come itinerante ma allo stesso tempo site-specific. È composta da cinquantasei lastre di vetro di due metri e cinquanta per ottanta centimetri stampate, e nasce dalla volontà di far dialogare gli elementi trasparenti con spazi e fruitori ogni volta nuovi. “L’installazione”, spiega Borondo, “è prima di tutto un’esperienza, una sensazione. Lo spettatore si trova continuamente a confronto con dei limiti spaziali, dati dalle lastre di vetro, respingenti ma anche trasparenti. Limiti che potresti rompere, attraversare, scegliendo di rischiare. Rompere i limiti fa paura. Viviamo con la paura di andare oltre il limite, sempre accompagnati da una sensazione d’incertezza. Ma penso che l’artista all’interno della società abbia proprio questo ruolo, trasgredire i limiti imposti dalla norma.”

Dati correlati
Autore Borondo
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.