Transfiguration (2020) è il remake di un lavoro omonimo dello studio Universal Everything esposto per la prima volta nel 2011. Nella nuova versione, da poco pubblicata online, l’idea centrale del video viene rielaborata sfruttando le più avanzate tecniche di generazione procedurale applicata alla grafica 3D. Protagonista dell’ipnotico filmato, che stupisce sia per la qualità degli effetti visivi che per la colonna sonora, è una figura che cammina su sfondo nero, trasformandosi continuamente. L’elemento spettacolare consiste nella transizione fluida tra diversi materiali: dal fuoco alla pietra, dal legno alla pelliccia, dai fiori al ghiaccio. I “costumi” virtuali mutano di continuo, esplorando tutte le possibilità della forma e della materia in movimento, accompagnati da effetti sonori che contribuiscono ad aumentare la suggestione.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.