The Floating Piers è una delle opere più iconiche del nostro tempo. Visitata da oltre un milione di persone tra il 18 giugno e il 3 luglio del 2016, la passerella arancione di Christo e Jeanne-Claude sul Lago d’Iseo è un progetto poetico e grandioso. “La nostra arte esiste, mia e di Jeanne-Claude, esiste solo perché abbiamo deciso che vogliamo vederla realizzata. Non c’è un significato preciso e non ha nessuna utilità pratica”, spiega l’artista bulgaro.
Racconta la sua realizzazione il nuovo documentario Christo – Walking on Water, diretto da Andrey Paoinov, che arriva nelle sale italiane dal 16 al 19 giugno grazie alla distribuzione di I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection. Il film ha seguito la nascita dell’installazione e la sua breve e intensa vita, mettendo a nudo la potenza evocativa dell’opera, ma anche le complesse trattative del dietro le quinte, tra politica, sfide ingegneristiche, difficoltà logistiche e incidenti.

Dati correlati
Autore Christo e Jeanne-Claude
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.