Io sono un selvaggio, un lupo nel bosco senza collare”, diceva di se stesso Paul Gauguin (1848-1903), il pittore francese che cercò la libertà e l’autenticità ai confini della civiltà, in terre lontane, tra popolazioni sconosciute ed esotiche. Ai Tropici Gauguin resterà dal 1891 quasi senza intervalli fino alla morte: dodici anni di immersioni sempre più profonde nella natura lussureggiante, di sensazioni, visioni e colori ogni volta più puri e accesi.
In arrivo nei cinema italiani solo il 25, 26 e 27 marzo, nuovo appuntamento della serie Grande Arte al Cinema, Gauguin a Tahiti. Il paradiso perduto è un viaggio alla ricerca delle origini. Il docu-film, diretto da Claudio Poli su soggetto di Marco Goldin e Matteo Moneta, che firma anche la sceneggiatura, è prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital con il sostegno di Intesa Sanpaolo e vede la partecipazione straordinaria di Adriano Giannini.
Ripercorrendo le tracce di una biografia che appartiene ormai al mito e di una pittura raffinatamente primordiale, il film evento, che vanta una colonna sonora originale firmata dal compositore e pianista Remo Anzovino, ci guiderà in un percorso tra i luoghi che Gauguin scelse come sua patria d’elezione e attraverso i grandi musei americani dove sono custoditi i suoi capolavori: New York col Metropolitan Museum, Chicago con il Chicago Art Institute, Washington con la National Gallery of Art, Boston con il Museum of Fine Arts.

www.nexodigital.it

Dati correlati
AutorePaul Gauguin
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.