L’artista visiva Samantha Stella collabora con il musicista Nero Kane per la sua ultima produzione video. Un film d’artista diviso in dieci capitoli ispirato a un viaggio attraverso i paesaggi desertici della California. Artribune lo pubblica in esclusiva, a puntate, a cominciare dai primi due episodi

Love In A Dying World è un film sperimentale diretto da Samantha Stella e girato durante il viaggio con il musicista Nero Kane attraverso i paesaggi desertici e solitari della California. Il film è basato sulla struttura dei brani raccolti sotto l’omonimo album di Kane, in uscita in vinile il 30 novembre, in cui atmosfere folk-rock-blues uniscono radici europee a sonorità americane.
Dopo una presentazione parziale all’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles e al Teatro della Tosse di Genova, il film nella sua forma completa, un mediometraggio di 45 minuti, è stato presentato in anteprima al Museo Marca di Catanzaro a cura di Simona Caramia, ed è oggetto della personale di Samantha Stella in corso presso Il Pomo Da Damo di Imola a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei. Il prossimo 6 Novembre sarà presentato al Museo Macro Asilo di Roma (Sala Cinema h. 10.30) con un talk a cura di Clara Tosi Pamphili.

I PRIMI DUE CAPITOLI

I primi due capitoli ci introducono alle tematiche principali di questo racconto per visioni e musica, ovvero amore, morte, decadenza, solitudine, spiritualità.

Like a crown, above your soul, your precious, dark love.
Black crows, over us, over you, my only heart.”
– Nero Kane, Black Crows

Black Crows (Corvi neri), è anche il primo singolo tratto dall’album di Nero Kane. Le immagini, girate a Ludlow, una ghost town del Deserto del Mojave in California, dipingono una storia d’amore in stile gothic western dove i due protagonisti, gli stessi Kane e Stella, appaiono come due fantasmi – metaforicamente due “corvi neri” dal titolo del brano – che fanno ritorno alla vecchia casa, ormai in rovina, dove avevano consumato il loro amore “prezioso come un gioiello”.

I’m going so blind, I’m loosing all my faith, my eyes are turning to grey, like the moon I’m fading away. I’m so alone, in the desert world.”
– Nero Kane, Desert Soul

Il secondo capitolo, Desert Soul, girato a Lee Vining, cittadina del nord californiano, ci presenta chiaramente questo viaggio solitario: il protagonista bussa a porte che mai si aprono, poiché tutto appare disabitato, portando con sé un piccolo quadro, una riproduzione della Madonna del Cardellino (1506) di Raffaello Sanzio. Un ricordo delle sue radici culturali europee, e al contempo di amore e di spiritualità, che va riponendo tra arbusti bruciati, quasi a costruire un rudimentale altare. Le parole “Sad”, “Alone” e “Lost” (triste, solo, perso), vengono scritte con carbone nero sulle pietre che incontra nel cammino. Il quadro è stato utilizzato nel set della videoinstallazione presentata da Stella e Kane all’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles nel 2017.

Love In A Dying World
Regia, operatore e montaggio: Samantha Stella
Protagonisti: Nero Kane, Samantha Stella
Musiche e testi: Nero Kane
2018, colore, durata 45 minuti

Dati correlati
AutoreSamantha Stella
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.