L’architetto danese Jørn Utzon (1918) avrebbe dovuto compiuto 100 anni il prossimo 9 aprile. Formatosi alla Royal Academy of Fine Arts di Copenhagen e nello studio di Alvar Aalto a Helsinki, lega il proprio nome all’audace Sydney Opera House, edificio-icona dell’intera Australia grazie ai distintivi gusci. A dieci anni dalla scomparsa e a cento della nascita, il Louisiana Museum of Modern Art esamina la sua eredità con il progetto On Jørn Utzon, rendendo disponibile online, sul Lousiana Channel, una serie di interviste video.
Appartenenti a generazioni diverse, i nove progettisti internazionali fin qui coinvolti – Renzo Piano, Bjarke Ingels, Rafael Moneo, Lene Tranberg, Juhani Pallasmaa, Hiroshi Sambuichi, Jan Gehl, Hans Munk Hansen e Oktay Nayman – danno vita a un racconto corale, ponendo ciascuno l’accento su un peculiare aspetto della sua produzione e del suo stile. “La fantasia è interessante, ma non è sufficiente”, afferma Renzo Piano nel suo contributo, riconoscendo in Utzon un autore in grado di operare, nello stesso tempo, “con il razionale, la forza di gravità, la struttura, la costruzione, e la bellezza, la visione e anche la fantasia”. Proprio in concomitanza con il centenario, all’Utzon Center di Aalborg, in Danimarca, prenderà il via la mostra itinerante Horisont, destinata a fare tappa anche a Copenhagen e Sydney. Il desiderio di viaggiare in tutto il mondo, alla ricerca di spunti di riflessione e nuove visioni, e la formazione di un linguaggio architettonico riconoscibile, sono due dei pilastri dell’impianto curatoriale di questo progetto espositivo.

– Valentina Silvestrini

http://channel.louisiana.dk/

Dati correlati
AutoreRenzo Piano
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.