Oltre 5 anni di lavorazione, set in 30 paesi diversi, utilizzo di tutte le tecnologie più avanzate in fatto di risoluzione dell’immagine, ripresa e montaggio. Awaken, il nuovo documentario diretto da Tom Lowe, si presenta come una pellicola coinvolgente e spettacolare, girata con in mente un solo obiettivo: meravigliare lo spettatore, ammaliandolo con la magia della vita sulla terra. Il filo conduttore del film è infatti l’analisi dei diversi rapporti che l’uomo intrattiene con l’ambiente naturale e con la tecnologia nelle varie parti del mondo. Dal trailer, che in soli dieci giorni ha accumulato 2 milioni e mezzo di visualizzazioni, si può già intuire lo stile: colori sgargianti, definizione altissima, riprese aeree e subacquee, abbondanza di time-lapse e time-dilation. Non a caso, tra i produttori del film compare anche Terrence Malick, campione del genere epico-naturalistico pluripremiato per il suo The Tree of Life ( 2010).

www.awaken.film

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.