Cinque giochi per cellulare sviluppati da altrettanti progettisti indipendenti. Una collezione di piccole opere d’arte in versione videogame, da scaricare ed esplorare sul proprio cellulare, riunite in un’unica applicazione. Si chiama Triennale Game Collection ed è uno dei progetti che la Triennale di Milano ha lanciato in occasione della sua esposizione 21st Century. Design After Design (aperta fino al 12 settembre). Curatore del progetto, che punta i riflettori sull’esplorazione del concetto di interattività, è il game designer Pietro Righi Riva, che ha lavorato con la software house Santa Ragione e ha convocato alcuni tra i più interessanti progettisti di videogiochi in circolazione: Mario von Rickenbach & Christian Etter, Tale of Tales, Cardboard Computer, Pol Clarissou e Katie Rose Pipkin. I cinque videogame sono molto differenti tra loro, per estetica e concezione: si va dal pittorico Il Filo Conduttore al surreale Neighbor, passando per l’onirico The Glass Room. In questo trailer potete vedere qualche immagine, ma per godere appieno dell’esperienza vale la pena di scaricare la app, che è gratuita e disponibile per dispositivi Apple e Android.
E per gli amanti del genere, segnaliamo anche il Milano Game Festival, sempre promosso dalla Triennale e in programma dall’8 al 12 settembre 2016.

– Valentina Tanni

www.milanogamefestival.com/collection

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.