Dreaming Siena: un videomapping in 3D racconta la “Divina Bellezza” della città toscana

Ogni sera fino a settembre, sulle tre facciate del Duomo Nuovo va in scena la storia di Siena. Dalle opere di Duccio al Buon Governo di Ambrogio Lorenzetti, fino alla tradizione del Palio: un racconto per immagini ed emozioni ad alto tasso di spettacolarità.

dreaming siena divina bellezza videomapping 3d duomo nuovo

Gli affreschi di Ambrogio Lorenzetti prendono vita. Si animano le danzatrici del Buon Governo, mentre le maestranze di allora rivivono e si rinnovano negli artigiani di oggi: fabbri, vetrai, scultori, incisori.
Prende l’avvio proprio da qui – da un volo d’angelo su Piazza del Campo, che entra in Palazzo Pubblico dalle trifore per portare lo spettatore proprio di fronte all’Allegoria e gli Effetti del Buono e Cattivo Governo – lo spettacolo tecnologico della Divina Bellezza, progetto di videomapping in 3D promosso dall’Opera della Metropolitana di Siena e dal Comune, prodotto da Civita-Opera e realizzato da Unità C1 in collaborazione con Moviement HD.

LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELLO STORYTELLING
L’impronta tecnologica è potente: 400mila ansi lumen di potenza proiettano, con una risoluzione di 7mila pixel, le immagini sulle tre facciate dell’incompiuto Duomo Nuovo, quello che secondo i senesi sarebbe dovuto diventare la più grande cattedrale d’Europa ma i cui lavori furono interrotti per sempre dalla peste.
Nelle cuffie, fornite al pubblico che trova posto a sedere in Piazzetta Jacopo della Quercia, la voce narrante – disponibile in quattro lingue – e la musica antica, cadenzata, quasi “medievale”, accompagnano lo spettatore in un viaggio nella storia di Siena. Non è un documentario, né una narrazione di impronta scientifica o storico-artistica; è piuttosto un racconto dell’anima in cui si rimbalza tra il Buon Governo, appunto, e le Maestà di Duccio e Simone Martini, tra la battaglia di Montaperti – “che fece l’Arbia colorata in rosso” – e la sempiterna ricerca dei senesi della Diana, il mitico fiume che si pensava scorresse sotto la città; senza, naturalmente, lasciar da parte il Palio.
Il visitatore, probabilmente, non imparerà molto della storia e dell’arte di Siena ma l’impatto scenografico, in questo angolo della città sovrastato dalla magnificenza del Duomo, è senza dubbio di pregio.

– Giulia Maestrini

Siena // fino al 30 settembre 2016
Divina Bellezza

Duomo Nuovo
Piazza Jacopo della Quercia
0577 286300

[email protected]
www.divinabellezza.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.