L’armonia del paesaggio di Vittorio Corsini

Galleria Alessandro Bagnai, Firenze – fino al 17 gennaio 2015. Vetro, acciaio inox, luce, colore: sono la materia per un complesso discorso sul paesaggio. Quello che Vittorio Corsini ha messo a punto attraverso le nuove installazioni in mostra a Firenze.

Vittorio Corsini, Orto, 2014

Vittorio Corsini (Cecina, 1956; vive a Firenze e Milano) non rinnega i maestri del Novecento, anzi li cita con profondo rispetto – i neon di Merz, i tagli di Fontana – in una serie di opere che perseguono un unico filo conduttore: il paesaggio. Fortemente legato all’ambiente naturale antropizzato, l’artista lo ripercorre transitando dall’informale delle tele monocrome, letteralmente spezzate da un raggio di luce colorata, alla composizione di un orto i cui frutti perfetti sono inutilizzabili perché fatti di vetro, fino a una montagna viva dalle cui pendici sgorgano rivoli di inchiostro che evocano la scrittura. La serenità di fondo è però minacciata da una casa che scivola, definita “emblema della condizione umana”: anch’essa di vetro e quindi fragile e precaria, è al contempo un morbido e rassicurante luogo dell’identità umana.

Marta Santacatterina

Firenze// fino al 17 gennaio 2015
Vittorio Corsini – Reaching the Landscape
ALESSANDRO BAGNAI
Piazza Goldoni 2
055 6802066
[email protected]
www.galleriabagnai.it

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/38584/vittorio-corsini-reaching-the-landscape/

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte – titolo conseguito all'Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia dell’arte medievale –, svolge da molti anni la professione di editor freelance per conto di varie case editrici ricoprendo anche, dal 2015 all’inizio del 2018, il ruolo di direttore editoriale del marchio Fermoeditore e della rivista collegata “fermomag”, sulla quale si è dedicata alle rubriche di arte, fotografia e mostre. Scrive per “Artribune” fin dalla nascita della rivista nel 2011, mentre più recenti sono le collaborazioni con il sito “Art&Dossier” – sul quale recensisce progetti allestiti in gallerie private –, con “La casa in ordine”, dove si occupa di designer emergenti e autoprodotti, e con la rivista “Dolcesalato”, su cui propone ai pasticceri suggestioni tratte dall'arte contemporanea. Scrive inoltre testi storico-artistici e sul fumetto per case editrici italiane (Giunti editore, Grafiche Step editrice ecc.) e statunitensi (Fantagraphics Books). Ha partecipato come giurata a concorsi di arte o fotografia e raramente cura delle mostre per artisti che riescono a convincerla grazie alla qualità dei lavori e alla solidità della loro poetica. Per la sede di Parma del Boston College, si occupa inoltre di attività di tutoring sull'arte contemporanea per studenti americani.