Ditelo con una app

In vacanza a Parigi e in cerca di attività di loisir? Curiosi sui flussi turistici nella Penisola? Interessati a una prova su strada targata Mercedes per le vie deserte? Altre tre app testate e consigliate da Simona Caraceni.

Creative Paris

CREATIVE PARIS
L’approccio proposto da questa app è consigliabile per le grandi località turistiche, quelle dove, anche avendo a disposizione molte settimane per la visita, i musei e i monumenti da vedere non finiscono mai. Se siete stati ad esempio a Parigi, sapete bene che dopo la prima settimana sorge una piccola stanchezza da attività culturale, e si può aver bisogno di un piccolo break, per tornare poi con la mente fresca alle meraviglie locali. Creative Paris propone oltre 400 diverse attività da scegliere, sempre in ambito artistico ma più pratiche, e con un occhio di riguardo verso i più piccoli. Corsi di ikebana, workshop di acquerello, corsi di cucina francese, cucito e corsetteria, il tutto in formule intensive adatte al turista creativo (o ai suoi figli). Per poter poi tornare al Louvre più concentrati e vedere finalmente quelle gallerie che abbiamo saltato giorni prima per troppa stanchezza.
www.creativeparis.info
costo: gratis
piattaforme: iPhone, iPod Touch, iPad

Turismonitor

TURISMONITOR
Le app non sono tutte uguali. Ci sono quelle divertenti, quelle stupide e quelle che sono soltanto molto belle da guardare. È raro invece trovare una app veramente utile, che faccia cose che sarebbe molto più difficile fare con un computer. Turismonitor è uno di questi rarissimi casi. Sviluppata dal Centro Studi Touring Club in collaborazione con Archeometra, presenta i dati sul turismo in Italia e in Europa (flussi, economia, mercati) e genera anche grafici on-demand. Questa funzionalità permette di superare il limite “strutturale” dell’editoria tradizionale e fornisce la possibilità di avere una risposta personalizzata ai propri quesiti, una novità assai utile per chi utilizza i dati turistici per ragioni professionali o di studio. L’applicazione è complementare e non alternativa alla versione cartacea, che offre contenuti e mappe non fruibili su schermo.
www.touringclub.it
costo: gratis per i dati 2011 | € 2,99 per i dati 2012
piattaforme: iPhone, iPod Touch, iPad

ItalyGuides

ITALYGUIDES
Lo spettacolo del cinema hollywoodiano applicato a una collana di guide turistiche sull’Italia. Ci ha pensato Mercedes-Benz, con la collaborazione di ComPart Multimedia, per una guida di Roma in grado di competere con le serie tv più avvincenti. ItalyGuides non è un episodio isolato: dal lontano 2005 sul sito sono infatti presenti audioguide in mp3 liberamente scaricabili sul patrimonio italiano (per qualche mese riservate ai possessori di una macchina Mercedes). La città protagonista dell’app per iPhone è Roma e l’app per iPad permette di vedere “panoramiche virtuali” sui siti culturali e i monumenti d’eccezione. Entrambe hanno un angolino dedicato agli ultimi modelli Mercedes, da cui si può prenotare una prova gratuita. Un’app di qualità (e un ottimo esempio di sponsorizzazione) con un tasso di interattività basso e una limitata utilità pratica, se non quella dell’intrattenimento passivo.
www.italyguides.it
costo: gratis
piattaforme: iPhone, iPod Touch, iPad

Simona Caraceni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #8

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Simona Caraceni
Simona Caraceni, giornalista pubblicista, si occupa di nuove tecnologie e multimedialità dal 1994, fondando con Pier Luigi Capucci "NetMagazine" poi "MagNet", la prima pubblicazione elettronica in Italia. Ha insegnato all'Università di Bolzano, Macerata, Firenze, lo IED e la NABA di Milano, il DAMS e il Dipartimento di Informatica dell'Università di Bologna, e in numerosi corsi di aggiornamento professionale. Come attività di ricerca fa parte del Planetarium Collegium, il network internazionale di studiosi, artisti e docenti che approfondiscono il rapporto fra arte e tecnologie. È PhD in Aesthetics and Technology per il Planetary Collegium (University of Plymouth). Membro ICOM dal 2007, ha fatto parte dell'Executive Board di AVICOM dal 2010 al 2019 anche come vicepresidente e segretario generale e ha fondato e coordinato la Commissione tematica Audio-Visivi e Nuove Tecnologie di ICOM Italia dal 2007 al 2016 Nell'ambito della ricerca applicata si occupa di "musei virtuali", augmented reality, didattica tramite le nuove tecnologie e interaction design. Insegna “Museology, museography e virtual environments” presso la laurea magistrale internazionale “Digital Humanities Digital Knowledge” dell’Università di Bologna.