11 oggetti per chi ama essere creativo

Se la creatività è la vostra passione, non potete farvi mancare questi oggetti al confine tra arte e design. Con un pizzico di ironia

Dal giradischi a LED di Brian Eno alla mascherina in carta di riso contenente semi floreali sino a una lampada a forma di croissant (vero): sono solo alcuni dei suggerimenti che vi diamo nella nostra consueta rubrica dedicata agli oggetti

Valentina Tanni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #64

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

1. IL GIRADISCHI LUMINOSO DI BRIAN ENO

Il giradischi di di Brian Eno. Courtesy Paul Stolper Gallery

Brian Eno non ha certo bisogno di presentazioni. Pioniere della musica ambient, polistrumentista, produttore, videoartista e filosofo, è da quasi cinquant’anni un punto di riferimento del panorama culturale a livello mondiale. Da sempre interessato al rapporto tra musica e immagine, e in particolare all’utilizzo della luce, ha da poco lanciato una linea in edizione limitata di giradischi a LED in collaborazione con la Paul Stolper Gallery di Londra. Il giradischi, che s’illumina cambiando colore in accordo con la musica, è un oggetto che trasmette un forte senso di sacralità, incanalando la luce in una struttura minimale ed eterea che fa tornare alla mente le atmosfere delle installazioni di James Turrell. “La luce che emette sembra come catturata all’interno di una nuvola di vapore”, ha commentato Eno dopo aver visionato il prototipo. “Siamo rimasti a fissarlo per ore, trafitti da questa esperienza totalmente nuova di percepire la luce come una presenza fisica”.
Ognuno dei cinquanta esemplari disponibili, il cui prezzo viene comunicato dalla galleria soltanto su richiesta, è firmato dall’artista e ha il numero dell’edizione inciso sul fondo.

https://www.paulstolper.com/
prezzo su richiesta

2. DIVINE FIGURE FEMMINILI

La candela di Judy Chicago. Courtesy Prospect New York

Negli Anni Settanta, quando era impegnata nelle ricerche per The Dinner Party, una delle sue opere più importanti, l’artista americana Judy Chicago rimase affascinata dalla scoperta di alcune divinità femminili adorate dalle culture primitive. Questa candela, prodotta in collaborazione con Prospect New York, riprende il tema con una dea della fertilità in total pink.

https://www.prospectny.com/
$ 81

3. MUSEI DA TAVOLO

Il modellino del Solomon R. Guggenheim Museum prodotto da Little Building Co.

Per tutti gli amanti dell’architettura moderna, questo modellino è un oggetto irresistibile. Realizzato interamente in legno dall’australiana Little Building Co., riproduce in scala uno degli edifici più iconici del Novecento: il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, disegnato da Frank Lloyd Wright e completato nel 1959.

https://www.littlebuildingco.com/
$ 130

4. T-SHIRT BENEFICHE

La t shirt disegnata da Cindy Sherman e Narciso Rodriguez per Planned Parenthood

Un’elegante t-shirt in edizione limitata frutto della collaborazione tra l’artista Cindy Sherman e il fashion designer Narciso Rodriguez. Tutti i proventi della vendita andranno all’associazione Planned Parenthood di New York, che si occupa di offrire supporto medico e psicologico per problemi legati alla sessualità e alla riproduzione.

https://ppgnyshop.com/
$ 65

5. MASCHERINE PER LA TERRA

La mascherine di Marie Bee Bloom

Uno dei tanti effetti collaterali della pandemia è senz’altro la produzione di tonnellate di rifiuti extra dovuti all’utilizzo continuativo di mascherine e guanti usa e getta. Queste mascherine del brand olandese Marie Bee Bloom sono fatte in carta di riso e contengono una selezione di semi floreali, così se vengono gettate a terra non solo non inquinano ma possono far nascere nuove piante.

https://www.mariebeebloom.com/
a partire da € 16

6. SALSA DI SOIA PER GLI OCEANI

Heliograf, Light Soy Lamp

Lo studio di design australiano Heliograf ha lanciato una nuova versione della sua popolare Light Soy lamp, una lampada ispirata alla forma dei contenitori usa e getta per la soia molto diffusi in ristoranti e take away giapponesi. Stavolta la plastica utilizzata viene dagli oceani ed è interamente riciclata.

https://heliograf.com/
a partire da € 169

7. FACCE DA RICORDARE

Biglietti da visita personalizzati

Si possono stampare di tutte le forme e tutte le dimensioni e sono una simpatica alternativa ai vetusti biglietti da visita e alle etichette con il nome. Volete farvi ricordare da qualcuno? Perché non regalargli un adesivo con la vostra faccia?

https://www.stickermule.com/
a partire da $ 17

8. TRIS DA BAGNO

Il porta carta igienica di HandAndHomes

È un porta carta igienica geniale, quello disegnato dal brand HandAndHomes su Etsy. Fatto interamente a mano usando legno di pino riciclato, consiste nella riproduzione del classico gioco del tris, in cui i rotoli di carta sostituiscono i cerchi e le croci in legno le X. E ci si può davvero giocare!

https://www.etsy.com/
a partire da € 66,74

9. BICCHIERI FILOSOFICI

I bicchieri di The School of Life

L’espressione è proverbiale: c’è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. Questa ironica coppia di bicchieri, ideata da The School of Life, accontenta il pessimista e l’ottimista, bilanciando anche a tavola due visioni contrapposte della vita.

https://charlesandmarie.de/
€ 22

10. UCCELLINI IN DIRETTA

La mangiatoia per uccelli di Fred and Friends

Dal genio di Fred and Friends, azienda americana che da anni porta nelle nostre case accessori utili e divertenti, arriva una mangiatoia per uccelli che sembra uno schermo. Protagonisti della diretta sono dei volatili intenti a beccare il loro mangime.

https://www.genuinefred.com/
$ 30

11. CROISSANT DA COMODINO

L’abat-jour-croissant di Yukiko Morita

Se questa lampada a forma di croissant vi sembra troppo realistica, la risposta è semplice: è davvero un croissant. Il pasticcere e designer giapponese Yukiko Morita, che l’ha inventata, conserva alcuni dei suoi cornetti invenduti, li svuota, li ricopre di resina e poi inserisce al loro interno una luce a LED.

https://eastfork.com/
$ 88

Dati correlati
AutoriBrian Eno, Judy Chicago
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma e Milano. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020).