Manifatture Aperte 2018: viaggio nei luoghi del fare di artigiani e makers

Porte aperte per una giornata in 70 luoghi della vecchia e della nuovissima manifattura milanese (e dintorni), con una serie di visite guidate e incontri organizzati intorno a sette nuclei tematici.

Manifatture Aperte Drama Factory
Manifatture Aperte Drama Factory

Dove nasce il Made in Italy a Milano e dintorni? La risposta a questo interrogativo è tutt’altro che univoca: nel capoluogo e nei dintorni, ci sono molte realtà – laboratori artigianali, atelier, botteghe dal sapore vintage ma anche Fab Lab impegnati in processi di fabbricazione digitale di ultimissima generazione – che vivono del loro “saper fare” e producono oggetti di qualità declinando in maniere differenti il concetto di manifattura. Un’iniziativa promossa dal Comune di Milano in collaborazione con il World Manufacturing Forum, in corso in questi giorni a Cernobbio, permette di visitare alcuni di questi luoghi. Ad aprire le porte sabato 29 settembre, nell’ambito di Manifatture Aperte 2018, saranno 70 realtà, cittadine ma non solo (il perimetro interessato dall’operazione si estende fino alla Brianza e alla provincia di Novara). Per tutta la giornata, i visitatori potranno approfittare di una serie di visite guidate, laboratori e workshop pensati per conoscere meglio attività che spaziano dall’artigianato artistico e da mestieri antichi come la legatoria d’arte o la pelletteria  al design e alle nuove tecnologie.

Manifatture Aperte Opendot FabLab
Manifatture Aperte Opendot FabLab

ARTIGIANI DIGITALI

Gli organizzatori hanno predisposto anche una serie di percorsi tematici. Gli appassionati di Fabbricazione digitale, per esempio, potranno approfondire il ruolo che la tecnologia sta assumendo in molti ambiti tradizionali della manifattura, mescolandosi alle tecniche della grande tradizione italiana, e scoprire come robot e stampanti 3D stanno cambiando il modo di progettare le cose. Questo itinerario tocca per esempio diversi Fab Labmakerspace, laboratori di fabbricazione digitale che permettono ai makers – gli artigiani digitali – di condividere spazi e attrezzature attivando sinergie profittevoli. Da WeMake, per esempio, si potrà vedere in azione un braccio robotico antropomorfo modificato per intrecciare la pelle realizzando accessori di moda, mentre nello spazio di Opendot, altra realtà molto attiva, il focus è sulle applicazioni all’ambito educativo, dai kit per le scuole primarie e secondarie agli oggetti didattici autocostruiti.

Manifatture Aperte, Giorgett
Manifatture Aperte, Giorgett

LE FABBRICHE DEL DESIGN

Il percorso costruito intorno alle Fabbriche del design conduce alla scoperta di stabilimenti industriali e altri luoghi dove si è realizzato quell’incontro felice tra imprenditoria e creatività che è stato così importante per le sorti del design italiano a partire dal Dopoguerra, dalla “fabbrica sull’acqua” di Fantini sulle rive del lago d’Orta ai distretti brianzoli del mobile. Sempre all’interno di questo percorso è possibile visitare la library di materiali e processi produttivi più ricca di Milano, con oltre 7500 voci suddivise per categorie, negli spazi di Material ConneXion. L’itinerario dedicato alle botteghe d’arte accompagna i visitatori all’interno di alcune storiche botteghe di Milano per assistere alla genesi di borse, cappelli, tessuti, gioielli, libri e ceramiche, mentre quello sulle Officine di passioni porta alla scoperta dei segreti di un artigianato più di nicchia, scoprendo per esempio come nascono le chitarre in alluminio di Noah Guitars, amate da musicisti di fama internazionale come Ben Harper e Lou Reed.

Manifatture Aperte Ideas Bit Factory
Manifatture Aperte Ideas Bit Factory

FORMAZIONE E DESIGN

Altri percorsi non riguardano un particolare tipo di prodotto o una famiglia di tecniche, ma piuttosto una vocazione: Dove si impara la manifattura esplora i luoghi della formazione, toccando per esempio le storiche accademie di moda e di design cittadine, i laboratori del Politecnico e il Museo della Scienza, Donne e manifattura si concentra sull’imprenditoria femminile e i luoghi della manifattura diretti da donne e Manifattura e inclusione propone una serie di progetti sociali che usano il fare come strumento per creare autonomia, sviluppare talento e consapevolezza o rinsaldare i legami sociali.

-Giulia Marani

Milano//29 settembre 2018
Manifatture Aperte 2018
70 luoghi tra atelier, botteghe, fabbriche e laboratori
Accesso libero

manifattura.milano.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Marani
Giornalista pubblicista, vive a Milano. Scrive per riviste italiane e straniere e si occupa della promozione di progetti editoriali e culturali. Dopo la laurea in Comunicazione alla Statale di Milano si specializza in editoria a Paris X-Nanterre. La passione per l’universo del progetto nasce proprio a Parigi, dove lavora nella redazione della rivista Architectures à vivre (dal 2007 al 2012) e partecipa al lancio di EcologiK, la prima rivista francese dedicata alla progettazione ecoresponsabile. Collabora con Artribune dal 2013 e coordina le pagine dedicate al design da gennaio 2019.